in

Fiat Chrysler stabilisce una nuova linea di credito di circa 3,8 miliardi per il coronavirus

Fiat Chrysler ha creato una struttura di credito di emergenza da 3,84 miliardi di dollari mentre tenta di gestire la pandemia di coronavirus

Fiat Chrysler
Fiat Chrysler

Fiat Chrysler ha creato una struttura di credito di emergenza da 3,84 miliardi di dollari mentre tenta di gestire la pandemia di coronavirus che l’ha costretta a bloccare molte delle sue operazioni a livello globale. La casa automobilistica italo americana ha detto giovedì che i fondi saranno disponibili per “scopi aziendali generali e per esigenze di capitale circolante”. La linea di credito, con due banche senza nome, è strutturata come una struttura ponte o prestito a breve termine. I fondi possono essere prelevati in un’unica tranche, con un termine iniziale di 12 mesi che può essere esteso a discrezione della società per ulteriori 6 mesi.

Le azioni di Fiat Chrysler sono diminuite di circa l′1,5% nelle negoziazioni pre-mercato dopo l’annuncio. Lo stock è in calo del 49,4% finora quest’anno e del 49,7% negli ultimi 12 mesi. La nuova linea di credito si aggiunge alle linee di credito esistenti di Fiat Chrysler per circa $ 8,5 miliardi, comprese le linee di credito bilaterali del valore di $ 1,65 miliardi che la società ha dichiarato di aver iniziato a chiudere.

Fiat Chrysler è stata colpita in precedenza rispetto ad altre case automobilistiche poiché COVID-19 si è diffusa a livello globale dalla Cina fino all’Europa. La società ha molte fabbriche in Europa, in particolare in Italia, che hanno dovuto chiudere temporaneamente a causa della pandemia. Sotto la pressione del sindacato United Auto Workers la scorsa settimana, Fiat Chrysler, General Motors e Ford Motor hanno anche annunciato l’intenzione di bloccare anche le fabbriche in USA nel tentativo di frenare la diffusione della malattia.

Ti potrebbe interessare: General Motors e Fiat Chrysler guadagnano quote di mercato nel primo trimestre in USA