in

Formula 1: il regolamento tecnico 2021 è rinviato

A seguito di una call telefonica, il regolamento 2021 slitterebbe di un anno divenendo ufficiale soltanto nel 2022

Regolamento 2021

Nei 70 anni di storia della Formula 1, mai come adesso si sono verificate situazioni così al limite. Non è un caso che dopo l’annullamento del Gran Premio di Melbourne, che ha fissato un vero e proprio spartiacque in questa nuova situazione globale col Coronavirus che sta tagliando anche numerosi eventi della massima serie, si sta discutendo di una situazione assolutamente complessa. Priva com’è di prospettive chiare e futuro certo.

Lo scenario è praticamente identico a chi naviga a vista. Tra Liberty Media e i team stanno intanto mettendosi in pratica colloqui preliminari per provare a definire come muoversi nel caso in cui la situazione dovesse trovare la via del miglioramento. Sicuramente potrà esserci un problema finanziario dovuto al fatto che mancheranno i pagamenti programmati alla base degli eventi già annullati.

Conferenza telefonica per trovare una soluzione

Nel frattempo si stanno svolgendo delle conferenze telefoniche tra i team e Liberty Media per valutare quelle che possono essere le contromisure per fronteggiare la situazione. Le proposte sono diverse. Tra queste c’è anche la volontà di posticipare l’arrivo del regolamento 2021 di un anno: quindi il nuovo regolamento dovrebbe arrivare soltanto nel 2022. Addirittura si sta anche pensando di congelare lo sviluppo di tutte le parti meccaniche delle monoposto attuali a fine 2020: in questo modo, limitando i costi per lo sviluppo di queste ultime, il prossimo anno si potrà partire con vetture sviluppate solamente dal punto di vista aerodinamico.

Pare che molti team sarebbero già favorevoli alla proposta, ad eccezione di Ferrari che pare abbia chiesto di prendere un po’ più di tempo prima di esprimersi a tal proposito. Di certo se una proposta simile venisse approvata le squadre porterebbero a casa u enorme vantaggio visto che non dovrebbero riprogrammare l’intera progettazione di una nuova vettura e la sua conseguente costruzione da zero per la nuova stagione. In questo modo si potrà persino rimandare l’avvio della progettazione delle nuove monoposto che dovranno rispettare il nuovo regolamento che non arriverà prima del 2022.

In questo modo anche i nuovi eventi in pista, che si preannunciano ravvicinati tra loro, potrebbero beneficiare della corretta concentrazione. In questo modo a inizio anno si avrà più spazio per pensare alle nuove monoposto. Il 2021 doveva essere un anno di grande rilevanza per tutta la Formula 1. Il varo del nuovo regolamento ne avrebbe modificato la fisionomia e il modo di pensare.

Oggi comunque si attende una nuova call alla presenza di Ross Brawn, Jean Todt e Chase Carey. Vedremo cosa ne uscirà fuori.