in

Ufficiale: in Formula 1 viene anticipata la pausa estiva

La Federazione Internazionale ha cambiato il regolamento sportivo di F1 2020: anticipata la pausa estiva, ora nel periodo marzo-aprile

Vettel Australia 2019

Se molti costruttori di automobili si sono già fermati a causa dell’emergenza Coronavirus, ora anche per la Formula 1 succede la medesima cosa. Peraltro per regolamento. La pausa estiva che è obbligatoria e prevede 14 giorni di stop, è stata ora prolungata fino a tre settimane oltre che spostata nel periodo marzo-aprile. La nuova misura è stata messa in atto dopo una decisione votata all’unanimità. La decisione deriva proprio dalla volontà di fronteggiare la grave emergenza del COVID-19 che come già sappiamo ha anche decimato il calendario del Mondiale di Formula 1. In questo modo tutti i team si ritroveranno attivi durante il mese di agosto che in precedenza veniva proprio dedicato alla consueta pausa. In questo modo, se tutto andrà bene, ad agosto si potrà anche disputare qualche Gran Premio.

C’era da aspettarselo

C’era da aspettarselo. Ora tutti i team dovranno chiudere i loro reparti corse per 21 giorni consecutivi. Come si diceva, lo stesso Consiglio Mondiale della FIA ha apportato una vera e propria modifica al Regolamento Sportivo della Formula 1. In questo modo viene resa obbligatoria la nuova norma e bisognerà stare fermi tra marzo e aprile. Sia lo Strategy Group della Formula 1 che la F1 Commission hanno supportato la nuova direttiva. Di certo la nuova possibile gestione del campionato, con un gran numero di eventi di fila, potrebbe costringere la macchina organizzativa a non sperare in periodi di sosta particolarmente lunghi.

Se in questi giorni si dovrebbe ben presto avere anche una prima bozza di calendario, nel frattempo la FIA ha diramato un comunicato che recita così: “A seguito del grosso impatto globale del contagio da COVID-19 che sta affliggendo l’organizzazione di tutti gli eventi del Campionato del Mondo di Formula 1, il Consiglio Mondiale della FIA ha approvato una modifica al regolamento sportivo anno 2020. Viene spostata la chiusura delle fabbriche da luglio-agosto al periodo marzo-aprile per 21 giorni consecutivi in luogo dei 14 canonici. Tutti i partecipanti al campionato dovranno quindi osservare un periodo di chiusura delle fabbriche di 21 giorni consecutivi durante i mesi citati. La modifica regolamentare è stata votata sia dallo Strategy Group che dalla F1 Commission all’unanimità”.

In questo momento Ferrari ha già comunicato di chiudere già da oggi fino al prossimo 8 aprile, in Alfa Romeo Racing chiuderanno invece dal 23 marzo al 13 aprile.