in

Ferrari: Louis Camilleri invia una lettera ai suoi dipendenti

L’obiettivo principale del cavallino rampante è quello di garantire la massima sicurezza per i suoi lavoratori

Camilleri

Sembra che Ferrari voglia proseguire con la produzione nella sua fabbrica di Maranello nonostante la diffusione del coronavirus. Si tratta di una scelta che va in netta contrapposizione con quella fatta, ad esempio, da Lamborghini o da Fiat Chrysler Automobiles per alcuni suoi stabilimenti.

Louis Camilleri, amministratore delegato di Ferrari, ha inviato una lettera ai suoi dipendenti per spiegare i motivi per cui ha deciso di non stoppare la produzione.

Ferrari SF90 Stradale
Ferrari SF90 Stradale, la prima supercar ibrida plug-in di Maranello

Ferrari: il CEO dell’azienda invia una lettera a tutti i suoi dipendenti

Ferrari continuerà a valutare l’equilibrio più corretto fra il benessere dei lavoratori, che ha sempre la priorità, e i bisogni dei partner e dei clienti. Ci sono momenti, nella vita di ognuno di noi, in cui qualcosa o qualcuno, situazioni o persone, ci impongono un cambiamento e quello che stiamo vivendo oggi è un momento in cui qualcosa di molto piccolo, un virus invisibile agli occhi, sta imponendo un cambiamento alle famiglie, alle comunità, a un Paese e probabilmente al mondo intero e naturalmente alla Ferrari. Ma voglio rassicurarvi che se sarà necessario fare di più lo faremo perché la Ferrari, come sempre, si prenderà cura delle proprie persone. Ce la faremo a vincere anche questa sfida. Abbiamo detto che la salute e il benessere delle nostre persone viene al primo posto nei nostri pensieri e non voglio che nessuno di voi possa pensare che queste siano solo parole. Questa emergenza ci sta ricordando qualcosa che forse avevamo dimenticato nel mondo frenetico in cui viviamo: che dobbiamo prenderci cura gli uni degli altri. Dei nostri genitori, dei nostri figli, dei nostri amici, di chiunque ci sia vicino. La Ferrari, come sempre, si prenderà cura delle proprie persone. I valori umani sono sempre stati le nostre fondamenta ancor più che l’innovazione: passione, rispetto, attenzione agli altri, lavoro di squadra, coraggio. Oggi più che mai questi valori della Ferrari devono restare solidi e aiutarci a vincere questa sfida imprevista. E ce la faremo.

Naturalmente, se questa brutta situazione proseguirà nelle prossime settimane, la casa automobilistica modenese potrebbe iniziare a fare i conti con la catena di approvvigionamento. Vedremo come si evolverà la questione nei prossimi giorni.