in

Helmut Marko e il suo parere sulla gestione dei piloti Ferrari

Ancora una volta Helmut Marko è tornato a parlare dei piloti Ferrari

Helmut Marko e Sebastian Vettel

Sicuramente non è la prima volta che Helmut Marko parla di Ferrari, e dei suoi piloti. Il consigliere per eccellenza degli austriaci di Red Bull ha infatti espresso nuovamente il suo parere sulla non semplice situazione dei piloti Ferrari. La stagione che sta per cominciare prospetterà infatti un’ulteriore sfida da porre sulle mani del buon Mattia Binotto. Quella della gestione dei piloti non è una cosa semplice, soprattutto quando hai a disposizione una delle coppie più interessanti dell’interno Mondiale di Formula 1. È noto a tutti che la situazione dello scorso anno si è rivelata più critica del previsto, soprattutto a partire dalla seconda parte della stagione.

La rivalità tra Sebastian Vettel e Charles Leclerc è apparsa sotto gli occhi di tutti sempre più infuocata. Fino a giungere al clamoroso episodio di Interlagos, in Brasile. Ma sappiamo bene anche che per scongiurare ulteriori rischi, già da un po’ Mattia Binotto ha espresso la volontà di far partire i due piloti sullo stesso piano. Almeno fino alla stabilizzazione necessaria che permetterà poi di stabilire chi dovrà condurre la Ferrari verso il punto più alto della classifica di campionato.

La Red Bull mira alle tensioni del box Ferrari

In Ferrari hanno già un lungo contratto con Charles Leclerc che lo lega alla Scuderia fino al 2024, c’è invece l’incognita Vettel che dovrà dimostrare di che pasta è fatto per continuare a mirare al team di Maranello. In casa Red Bull ci sono invece due giovani piloti. Max Verstappen è stato confermato con un contratto a lungo termine, mentre Alexander Albon è stato mantenuto al suo fianco al posto di Pierre Gasly.

Helmut Marko si è quindi sentito in dovere di consigliare una strategia di gestione dei piloti alla Ferrari, ammettendo anche che “se in Ferrari avessero scommesso su un pilota soltanto, lo scorso anno Verstappen non avrebbe terminato terzo in campionato”. Quindi Marko ha aggiunto che in Ferrari la situazione appare difficile “per noi la scelta è logica visto che Verstappen si trova ormai ad un livello che non è ancora quello di Albon. Questo non significa assolutamente che magari trascuriamo Albon, ma ci aspettiamo che anche lui possa migliorare tantissimo”.

Sicuramente il team di Maranello non ha bisogno di consigli. Probabilmente avrà imparato la lezione e non vedremo più episodi come quello registrato lo scorso anno in Brasile.