in

Mattia Binotto: primi dettagli sulla Ferrari per il 2020

Il team principal della Ferrari si è espresso su quelli che sono i suoi desideri sulla monoposto del 2020

Mattia Binotto

Ora che sappiamo che la monoposto Ferrari per il 2020 sarà presentata martedì 11 febbraio, sappiamo anche che a Maranello si lavora con una certa enfasi. C’è la voglia di recuperare quel brutto divario visto ancora una volta in pista nei confronti della Mercedes, soprattutto sui tracciati più lenti. Quelli dove il carico aerodinamico conta e dove le Mercedes hanno contributo a fornire vittorie ottimi piazzamenti ad Hamilton e Bottas.

Durante un intervento ai Gazzetta Sports Awards, Mattia Binotto che è il team principal della Scuderia di Maranello ha contribuito a fornire alcuni dettagli sulla prossima monoposto del Cavallino Rampante. Per Binotto la prossima Ferrari “dovrà essere veloce e affidabile, dotata di tantissimo carico aerodinamico e grande potenza per essere efficiente anche sui rettilinei. Di certo sono i miei desideri, ma sappiamo che non è mai facile raggiungere questi dati in pista. Ad Abu Dhabi abbiamo visto che gli altri sono stati ancora più veloci di noi, di conseguenza c’è ancora un certo svantaggio prestazionale che dobbiamo colmare. A Maranello siamo tutti concentrati e impegnati, dobbiamo provarci”.

Novità dovrebbero interessare anche il motore

Il desiderio di Mattia era stato già anticipato anche durante la Cena di Natale: il motore deve essere revisionato dal punto di vista dell’architettura. Di certo in Ferrari sanno bene che in Formula 1 non ci si deve accontentare “quando ci si accontenta gli altri ti superano”. A Maranello sono consapevoli di possedere probabilmente la migliore power unit del lotto ma per Binotto “è giusto provare nuove sfide per rilanciare e sapere che nel 2020 gli altri cercheranno di fare bene, quindi noi dobbiamo fare semplicemente meglio”.

Poi Binotto si è concentrato anche sul suo primo anno al timone della Scuderia ammettendo che “è stato molto impegnativo” sotto diversi punti di vista. Il primo anno alla guida della Ferrari di Formula 1 per Mattia Binotto è stato impegnativo soprattutto nei settori “in cui ho meno competenze come sponsor e altro. Ma quest’anno abbiamo anche discusso il Patto della Concordia 2021-2026. Ci sono davvero tante cose da gestire”.

Sembra che tu abbia bloccato le nostre notifiche!

Clubalfa.it è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato sulle nostre notizie SEGUICI QUI

Lascia un commento