Alfa Romeo Stelvio: il rendering di Quattroruote ne anticipa l’aspetto?

Alfa Romeo Stelvio
Alfa Romeo Stelvio

Alfa Romeo Stelvio tra pochi giorni verrà svelato nella sua veste definitiva. Si tratta di un modello particolarmente atteso e che ormai rappresenta una delle novità più attese di questo 2016 automobilistico. Oggi vi segnaliamo che a pochi giorni dal suo debutto ufficiale sul web è apparso un nuovo rendering pubblicato da Quattroruote magazine che prova ad indovinare quello che potrebbe essere l’aspetto definitivo di questo veicolo. Le immagini sono molto interessanti, in quanto sono ispirate in maniera piuttosto precisa al modello reale, quello che per intenderci tra poco più di 10 giorni verrà mostrato al mondo intero nello stand del Biscione al Los Angeles Auto Show. 

Alfa Romeo Stelvio: primo Suv del Biscione

Ricordiamo che il modello verrà prodotto nello stabilimento Fiat Chrysler Automobiles di Cassino a partire dalla fine del mese di novembre o al massimo agli inizi di dicembre. Il suo arrivo sul mercato avverrà entro i primi 3 mesi del 2017. Il suo esordio europeo potrebbe invece arrivare nel corso del Salone dell’automobile di Ginevra i primi giorni del prossimo mese di Marzo. Alfa Romeo Stelvio, il cui nome non è ancora ufficiale anche se molto probabile sarà il primo Suv per la storica casa automobilistica del Biscione.

Leggi anche: Alfa Romeo Stelvio: ci siamo, a fine mese parte la produzione a Cassino

Alfa Romeo Stelvio
Alfa Romeo Stelvio: il rendering by Quattroruote magazine

Leggi anche: Alfa Romeo ad ottobre 2016 in Italia è cresciuta del 31,31 per cento

Il nuovo Suv seconda grande novità della nuova gamma del Biscione

Alfa Romeo Stelvio, rappresenta la seconda grande novità per il brand milanese di Fiat Chrysler Automobiles, un modello che arriva sul mercato dopo l’esordio positivo di Alfa Romeo Giulia. Un veicolo destinato a far impennare le vendite della casa italiana, visto che va ad inserirsi in un segmento che attualmente regala grandi numeri di vendita a tutte le case automobilistiche che propongono veicoli. Di questo modello nel resto del mondo si sta parlando forse anche di più che della berlina Giulia. Questo fa comprendere come sia importante il suo successo commerciale, che rilancerebbe le quotazioni dell’azienda italiana nel mondo dei motori in grande stile. 

Alfa Romeo Stelvio
Alfa Romeo Stelvio by Quattroruote

Per quanto riguarda le motorizzazioni oltre al V6 2,9 litri da 510 cavalli dovrebbero esserci i 2.2 turbodiesel da 150, 180 e 210 cavalli, oltre che il 2.0 turbo benzina da 200 o 280 cavalli. Il cambio dovrebbe permettere la possibilità di scegliere tra il manuale a 6 rapporti e l’automatico a 8 rapporti. Infine per quanto riguarda le dimensioni si parla di 4,6-4,7 metri. Ovviamente dettagli più precisi li avremo il 16 novembre a Los Angeles.

  • Maurizio Liccardo

    Spero proprio di no

  • Blackimp

    la griglia bassa è orribile. spero di no anch’io

  • Alessandro Pitocco

    Ma una ibrida pare brutto? Bmw e Mercedes come le contrastiamo ? Con i motori di 15 anni fa?

    • giuliog02

      Sant’Iddio, ma come si fa a pensare a un’ibrida per un SUV? E’ un tipo di auto sanguigno, per scatti improvvisi, impennate su per strade impervie: il diesel con grande coppia è il suo motore ideale o un potente benzina con buon livello di coppia a basso regime.

      • Alessandro Pitocco

        Un suv è una auto normale più alta! Se vuoi andare in fuoristrada non ti fai io suv ti fai il Rubicon Wrangler o una Land Rover Defender! Fattelo dire da uno che in montagna ci abita! Quando nevica rimani fermo come su una macchina normale!

        • giuliog02

          Qualsiasi macchina pesante resta ferma in salita o scivola in discesa se non equipaggiata dei giusti pneumatici termici. Oltretutto bisogna saperle guidare, specie in discesa, perché pesano di più delle normali berline e, quindi, anche se con quattro ruote motrici, si deve considerare ila massa in più e moderare di conseguenza la velocità. Anch’io vado in montagna e guido da sempre in qualsiasi condizione atmosferica, autostrada o strada di montagna. Certo ci vogliono gomme adatte e, certamente, non impiegare certi catorci di auto che in ogni tempo sono state in circolazione.

        • umberto

          Concordo, difatti i suv sono semplicemente auto un po più alte che fanno al limite qualche stradina sterrata, il fuoristrada vero non è certo adatto ai suv. Per quando riguarda la land Rover puoi aggiungere tranquillamente anche il discovery è il range (non le versioni sport) se c’è lo spazio per passare vanno dove va il defender!

  • giuliog02

    La griglia bassa anteriore è francamente orribile. Oltretutto manca di una profilatura in acciaio come protezione sugli sterrati e attacco dei dislivelli.
    Il posteriore del rendering é piuttosto banale.
    Mi spiace dover scrivere queste cose da alfista. Spero che dal vero la carrozzeria sia più attraente e distintiva.
    Quanto a comunicazione poi siamo all’ignoranza più completa. Perché diamine presentate dei modelli in anteprima in blu o in azzurro carico? Il blu e l’azzurro sono colori che si impiegano per gli psicofarmaci, gli ipnoinduttori. Sono colori che indicano quiete e rilassatezza. Un’Alfa si presenta in rosso Alfa! Per .io! Un colore che indica, vita, vitalità, forza, altro che il blu. Si vede proprio che i markettari di oggi sono ignoranti in fatto di psicologia del cliente come dei banali ragionieri di banca. Mr. Marchionne , per favore, li strigli a dovere.

    • umberto

      È solo un esercizio da parte di un disegnatore, come sarà realmente lo vedremo quando sarà presentata e mi sembra che la presentazione della Giulia sia stata all’altezza del marchio!

      • giuliog02

        Concordo. Presentazione della Giulia assolutamente ben fatta. Nulla da eccepire.
        Ribadisco, comunque, il concetto colore. Non capisco la presentazione di una macchina dai tratti sportivi, nel segmento D, in BLU. Blu potrà andar bene per la presentazione dell’ammiraglia, destinata ai personaggi che hanno bisogno di immagine, hanno l’autista e non utilizzeranno mai l’auto a più del 60% della coppia nelle diverse marce. Un’ Alfa media o medio-piccola, dotata di motori scattanti, si presenta in colori VITALI, quali il rosso, il giallo. Si produrrà anche in diverse tinte, metallizzate o pastello, incluso il nero, ma non certo in blu, azzurro carico o celeste ( colori, i primi due, da capsule di calmanti e l’ultimo da disinfettanti o da vestitini per neonati ).

        • umberto

          Non penso che la presenteranno in blu, come dici giustamente il colore deve essere adeguato e se è vero che presentano, come per la Giulia, la versione quadrifoglio presumo che sarà un rosso o un nero … Tra pochi giorni scopriremo com’è realmente l’auto!