Nuova Alfa Romeo Brera: il rendering di Autobild fa discutere gli alfisti

Nuova Alfa Romeo Brera
Nuova Alfa Romeo Brera: il redering di Autobild

La nuova Alfa Romeo Brera potrebbe essere una delle sorprese che nei prossimi anni la casa automobilistica del Biscione regalerà ai suoi numerosi fan. Si vocifera infatti che potrebbe essere proprio questo il nome scelto per una delle future vetture sportive che arricchiranno la gamma del brand automobilistico milanese che fa parte di Fiat Chrysler Automobiles. Le voci di corridoio, mai confermate fino a questo momento, confermano che in casa del Biscione i dirigenti stanno realmente pensando di dare un’erede alla mitica Alfa Romeo Brera che in passato ha caratterizzato la gamma della casa italiana grazie al suo stile unico.

Nuova Alfa Romeo Brera: potrebbe essere la via di mezzo tra 4C e 8C

Se mai la nuova Alfa Romeo Brera arriverà, questo comunque non dovrebbe accadere prima del prossimo 2020. Inoltre si tratterà di una vettura sportiva dalle dimensioni maggiori rispetto ad Alfa Romeo 4C. Probabile che questo veicolo sia una via di mezzo tra la 4C e la 8C come dimensioni e possa sfruttare in parte la meccanica utilizzata con la nuova berlina Alfa Romeo Giulia. Oggi vi mostriamo l’ultimo rendering su questa auto pubblicato da Autobild, che fornisce la propria personale ipotesi su come questo veicolo potrebbe essere se realmente sbarcherà sul mercato. Ovviamente come sempre accade in questi casi l’immagine della nuova Alfa Romeo Brera sta facendo letteralmente il giro del web.

Leggi anche: Fiat Chrysler: tra i brand considerati meno affidabili negli Stati Uniti

Nuova Alfa Romeo Brera
Nuova Alfa Romeo Brera: il redering di Autobild

Leggi anche: Fiat Chrysler: protagonista nella lotta al cambiamento climatico

Il rendering di Autobild su la nuova Alfa Romeo Brera divide i fan del Biscione

Anche questa immagine divide il web. Infatti tra i numerosi fan alfisti, c’è chi apprezza il rendering di Autobild, sperando che alla fine Alfa Romeo possa decidere realmente di sbarcare sul mercato nei prossimi anni con un simile modello e chi invece non apprezza più di tanto questa ipotesi stilistica e preferirebbe che qualora questo veicolo arrivasse realmente sul mercato fosse totalmente diverso da quello mostrato in questa immagine. Noi ovviamente, come sempre facciamo, vi aggiorneremo subito qualora dovessero arrivare novità importanti su questo presunto nuovo modello targato Alfa Romeo, che potrebbe arricchire davvero con la sua presenza la gamma del brand di Fiat Chrysler Automobiles.

 

 

  • Giovanni Parrella teeeeeee

  • Se nasce la brera nascerà anche la nuova 159 speriamo

    • Albo89

      è la giulia la nuova 159.. berlina del segmento D

    • Emmebi

      La coupé si farà…ma non penso si chiamerà Brera

  • Francesco Tarquinio

    il progetto “963” per ora e’ stand by le prossime alfa sono 961 e suv derivato da esso e nuova giulietta t.p. e crossover derivato da essa.

  • speriamo che la fanno piu leggera

  • Meglio cambiare nome perche’ la Brera non ha avuto gran successo!

    • naja

      anzi, la Brera é stata uno degli episodi piú penosi dell’ era Fiat, non che l’ auto di serie sia stata cosí tremenda, ma da un prototipo spettacolare col V8 si é arrivati poi a una bella macchina sí, ma con le proporzioni violentate, un V6 spompo e un paio di quintali di troppo.
      non si sa mai, ma per conto mio solo AutoBild puó pensare che questo nome venga ripreso.

  • naja

    ma che AutoBild la smetta di inventarsi storie, progetti, nomi e design futuri, che non ne azzeccano mai una, ma neanche alla lontana…
    hanno una marea di reporter accaniti, quindi é spesso l’ AutoBild che pubblica per primo (fragmenti di) notizie, o soprattutto foto.
    ma i redattori hanno una fantasia malatissima, non si sa mai quanto delle diverse notizie sia gonfiato o inventato, e i disegnatori non hanno la minima idea di cosa voglia dire design, sono barzellette che diventano migliori col tempo, se ci si guarda adesso per esempio come loro vedevano la Giulia, o come avrebbe dovuto essere la sua tecnica, sembra di leggersi giornalini di fantascienza.