Fiat 124 Spider e Mazda MX-5 Miata: le vendite negli Usa vanno bene

Fiat 124 Spider
Fiat 124 Spider

Mazda e Fiat stanno entrambe beneficiando della collaborazione che ha portato alla nascita di Fiat 124 Spider. Mazda aveva bisogno di più volume per mantenere la produzione di Miata redditizia o comunque praticabile, e Fiat aveva bisogno di un nuovo modello per sostenere la sua serie 500 negli Stati Uniti.  Proprio negli Usa da un paio di mesi a questa parte entrambi i modelli sono disponibili e c’è grande curiosità di sapere come stanno andando le cose per queste due vetture in quel paese, considerato come il luogo d’elezione per vetture sportive e scoperte come quelle di cui vi stiamo parlando.

Nel mese di agosto, la Miata ha venduto più della Fiat 124 Spider negli Usa. Mazda ha registrato 823 unità vendute, e Fiat ha registrato 460 immatricolazioni. Nessuno di quei numeri sono grandi per gli standard delle auto tradizionali, ma per la categoria delle roadster convertibili,  si tratta di numeri abbastanza importanti. Basti pensare che Porsche ha venduto solo 474 Boxster nel mese di agosto, quindi questo è un esempio che ci aiuta a fare un confronto  con le roadster di Mazda e Fiat.

Fiat 124 Spider: collaborazione proficua con Mazda

Bisogna anche dire però che Mazda ad agosto 2015 ha venduto negli Usa 1.344  unità di Miata. Quest’anno, la vettura ha venduto meno di 1000 auto, dunque c’è stato un calo però compensato dalle vendite di Fiat 124 Spider. Dunque grazie alla partnership con Fiat, Mazda ha ricreato più o meno lo stesso numero di vendite dello scorso anno  facendo quindi un uso migliore della sua fabbrica di Hiroshima. Insieme Fiat 124 Spider e il MX-5 Miata hanno venduto 1.283 automobili.  Dunque questo vuol dire che nell’insieme il mese di agosto da poco concluso è stato molto positivo per questa collaborazione.

Leggi anche: Fiat, Mini e Renault si divertono su Twitter e Facebook

FIAT 124 Spider
Fiat 124 Spider: buone le vendite di agosto negli Usa

Chiunque dubitava che la collaborazione di Mazda con  Fiat avesse senso, potrebbe ora avere qualche prova che invece le cose non stanno così e che l’idea di vendere la stessa auto ma con due diverse denominazioni per la fabbrica in cui questa viene realizzata è stata una cosa a dir poco vantaggiosa. Per Fiat inoltre questa è stata l’occasione per rispolverare un brand che in passato ha fatto la storia dell’automobilismo italiano nel mondo.

Leggi anche: Fiat Tipo Station Wagon: primo porte aperte il 17 e 18 settembre

  • gil upnatistim

    Operazioni economicamente intelligenti per entrambe le case automobilistiche. E grande sagacia nell’ammettere, da parte di Mazda, che senza la collaborazione Fiat per la 124, probabilmente anche Miata sarebbe uscita dal mercato causa volumi. Quindi bravi loro.