Alfa Romeo Giulia, Giulietta e Stelvio: il punto della situazione

Alfa Romeo
Alfa Romeo: il rilancio passerà da modelli quali Giulia, Giulietta e Stelvio.

Alfa Romeo Giulia, Giulietta e Stelvio sono 3 delle automobili che indubbiamente nel corso dei prossimi anni saranno tra le principali protagoniste della rinascita del Biscione nel mondo dei motori. La berlina Alfa Romeo Giulia, lo è già adesso, basti pensare che nel giugno scorso, primo mese di uscita sul mercato per la nuova vettura della gloriosa casa di Arese, le vendite sono state in Italia circa 800. Questo risultato ha contribuito a fare entrare nella top ten delle automobili più vendute la nuova berlina del Biscione e a fare ipotizzare ad appassionati e addetti ai lavori scenari davvero esaltati per questo veicolo, che se confermerà questo trend nei prossimi mesi potrebbe trovarsi al vertice della sua categoria superando nettamente le avversarie tedesche di Audi, Bmw e Mercedes. 

Da Alfa Romeo Giulia parte la riscossa del Biscione nel mondo dei motori

Sempre a proposito di Alfa Romeo Giulia, segnaliamo che in autunno sul mercato arriveranno anche le versioni a benzina e quelle dotate di cambio automatico. Inoltre è molto probabile l’arrivo anche della versione con trazione integrale. Si tratta di modelli che dovrebbero contribuire a fare impennare ulteriormente le vendite della casa del Biscione che già nello scorso mese di giugno sono aumentate del 34% rispetto a quanto fatto nel corso dello stesso mese del 2015. Con lo sbarco della berlina del Biscione negli Usa parte la conquista dei mercati fondamentali come quello americano e anche quello cinese. Proprio li si gioca la partita più importante per la Giulia che ha come obiettivo quello di guidare la riscossa per il brand italiano di Fiat Chrysler Automobiles.

Alfa Romeo Giulia
Alfa Romeo Giulia: da lei parte la riscossa della casa del Biscione nel mondo dei motori

Ma nel rilancio di Alfa Romeo ovviamente non c’è solo Alfa Romeo Giulia. Grande importanza avrà anche il primo Suv nella storia del Biscione. Questo modello, che debutterà in autunno, molto probabilmente nel corso del prossimo mese di novembre al Los Angeles Auto Show, rappresenta la vera e propria cartina tornasole delle ambizioni del marchio automobilistico milanese per quanto concerne la conquista della supremazia ormai perduta. Si tratta di un veicolo che viene aspettato al varco dalla critica e dalla concorrenza per capire se le ambizioni del Biscione di impensierire nel futuro le case automobilistiche tedesche quali Audi, Bmw e Mercedes per quello che concerne il segmento premium del mercato auto, siano reali. Alfa Romeo Stelvio, che verrà prodotto in quel di Cassino a partire da fine anno e verrà commercializzato nella primavera del 2017, dovrebbe poter dare la risposta definitiva a questo quesito.

Infine dulcis in fundo, troviamo anche la nuova generazione di Alfa Romeo Giulietta. Di questo modello si è tornato a parlare di recente grazie ad un nuovo render emerso dal web che ha provato ad immaginare come sarà questo modello quanto uscirà sul mercato. Si dovrebbe trattare di un veicolo totalmente diverso rispetto a quello che attualmente è giunto sul mercato dopo il restyling a cui è stato sottoposto nei mesi scorsi e che si è reso necessario al fine di rendere questa automobile più in sintonia con il nuovo corso del Biscione. Certamente sappiamo che questa vettura sarà dotata di piattaforma modulare ‘Giorgio’ in versione accorciata. Sarà dotata di trazione posteriore e probabilmente saranno due i modelli che arriveranno sul mercato: Hatchback e berlina a 3 volumi. Il suo arrivo probabilmente segnerà un nuovo step nel rilancio del Biscione, essendo questo un modello fondamentale per ottenere un notevole incremento nei principali mercati europei, dove modelli di questo tipo vanno ormai per la maggiore a differenza delle berline a 3 volumi che invece spopolano ancora in Cina e Usa.

  • Blackimp

    sarebbe bello avere qualche notizia attendibile su quando più o meno uscirà la nuova Giulietta. Capisco che queste notizie ancora non è possibile averle e forse stanno ancora decidendo