Come abbiamo visto pochi giorni fa, Alfa Romeo ha rilasciato il nuovo listino prezzi dell’Alfa Romeo MiTo per il mercato italiano che ha portato non poche variazioni alla gamma della segmento B del marchio italiano che, dopo una lunga carriera, costellata da alti e bassi, si avvia verso il pensionamento. Date ed indicazioni ufficiali sulla questione non ce ne sono, per ora, ma il rilascio del nuovo listino prezzi rappresenta una nuova evidente indicazione: l’uscita dalla produzione dell’Alfa Romeo MiTo si fa sempre più vicina. 

Alfa Romeo MiTo junior
Alfa Romeo MiTo junior è già fuori produzione

Con il nuovo listino di Alfa Romeo MiTo, valido dallo scorso 21 di luglio, escono dal mercato i motori TwinAir cosi come l’allestimento MiTo Junior, presentato lo scorso ottobre al Salone di Parigi e sostituito da giugno dal nuovo allestimento MiTo Racer svelato al Salone di Ginevra di marzo e presentato come una “nuova serie speciale” della segmento B di casa Alfa Romeo. Da questa settimana, inoltre, le versioni diesel dell’Alfa Romeo MiTo non sono più ordinabili dai clienti che dovranno accontentarsi delle unità già prodotte ed ancora invendute disponibili presso i concessionari Alfa Romeo in Italia. Altre versioni a gasolio della MiTo non saranno più prodotte e, dopo l’esaurimento delle scorte già pronte, la MiTo alimentata a diesel non sarà più disponibile sul mercato. Il nuovo allestimento Racer, rispetto a quanto annunciato in fase di presentazione, è stato decisamente ridimensionato dal nuovo listino prezzi. In un primo momento, infatti, il nuovo allestimento avrebbe dovuto contare sia sui motori TwinAir, ora fuori listino, che su due varianti diesel,  1.3 JTDM da 85 CV e 1.6 JTDM da 120 CV, di cui la prima non è più ordinabile e la seconda non  dovrebbe essere nemmeno entrata in produzione. Alfa Romeo MiTo junior

C’è da dire che l’Alfa Romeo MiTo in questo 2015 ha ridotto progressivamente il suo volume di vendite sino a ridurre all’osso il numero di esemplari distribuiti in Italia ed in Europa. Nel nostro paese, infatti, la MiTo ha venduto appena 4.002 unità nel corso del primo semestre del 2015 con un calo del -19.5% rispetto allo scorso anno. Il paragone con l’Alfa Romeo Giulietta evidenzia ancora di più l’interesse sempre più basso degli acquirenti verso la MiTo. In Italia, nel primo semestre del 2015, la Giulietta ha raggiunto un totale di 13.315 unità vendute con una crescita del +18.6% rispetto allo scorso anno. In Europa la MiTo fa ancora peggio con un calo del -23% rispetto ai primi cinque mesi dello scorso anno mentre la Giulietta cresce del +3% nello stesso periodo di tempo. Alfa Romeo MiTo junior

Le tempistiche per l’uscita di produzione dell’Alfa Romeo MiTo non sono ancora chiare anche se la vettura dovrebbe continuare ad essere in produzione, nello stabilimento di Mirafiori, almeno sino al debutto sul mercato della nuova Alfa Romeo Giulia, fissato per l’inizio del prossimo anno. Il 2016, inoltre, sarà un anno importantissimo per lo stabilimento piemontese che registrerà il debutto del nuovo Maserati Levante, il primo SUV di casa Maserati che potrebbe essere in grado di riportare tutti gli operai al lavoro e cancellare, quindi, la cassa integrazione. In sostanza, per la MiTo lo spazio nei programmi di FCA si riduce sempre di più e la vettura, difficilmente, continuerà ad essere presente sul mercato oltre il prossimo anno. Maggiori dettagli in tal senso emergeranno nel corso delle prossime settimane. Per ora non ci resta che attendere ulteriori informazioni.

  • Menomale.

  • Io ho preso la Mito junior, contento della mia scelta. Mi dispiace che verrà piano piano eliminata la mito. Ma ci sarà in futura una nuova piccolina dell’Alfa?

    • Anche io lo presa la mito junior 4 mesi di vita 🙂

    • Io a giugno ?. Quale motore tu?

    • Io ormai quasi 6 anni di MiTo. Non nascondo che qualche problemuccio lo ha dato e continua a darlo tutto derivato dal fastidiossissimo FAP…. Alfista nel sangue non so se ricomprero più un Alfa Romeo.
      Anche per esigenze maggiori (abito in montagna) optero per una 4×4.

    • Magari faranno un alfa 4×4?

    • Il piacere di guida però non lo supera nessuno. Le piccole soddisfazioni le fa togliere ugualmente

    • Uhm.. Si è in progetto il SUV. Ma onestamente mi sembra innaturale un SUV Alda Romeo 😀
      Preferisco spostarmi con chi 4×4 ha esperienza: tipo Jeep o Subaru…

    • Piacerebbe la Subaru XV o la Renegade… Acquistero Penso fra non prima di 2 anni.

    • La mia era una battuta infatto?

    • 😉

    • Cmq.. Piacere di “conoscerti”

    • Anche per me?

    • Davide secondo te il SUV insieme a chi lo fanno? 😉

  • Dicevano di un restyling

  • No

  • Peccato, a me le piccole sportive piacciono molto. Speriamo pensino a qualcosa

  • Peccato, sarebbe bastata qualche nuova motorizzazione e un bel restyling generale magari con una versione 5 porte e avrebbe aumento le vendite ….così si lascia il mercato nelle mani della concorrenza i primis Mini e A1 ….

    • Che poi.. Già adesso.. L’a1 per il prezzo, estetica, e motore.. Non la prenderei mai mai mai mai mai al posto di una mito.. Mai!

    • Concordo ,io sto parlando di potenziali clienti che vogliono un auto di quella categoria e nn hanno preferenze di marchio Personalmente da alfista quando ho deciso di acquistarla la A1 manco lo presa in considerazione …

  • Peccato non ci sarà un’erede

  • ??

  • Noooooo… ???

  • Ma saranno le solite cazzate che dicono. . Come la storia della grande punto che veniva eliminata dalla 500 x

  • finalmente direi

  • Il nuovo piano di sviluppo Alfa Romeo prevede la produzione in fasce alte… Non so se ci sarà una sostituta della MiTo… Se così fosse i prezzi saranno più alti. Quindi non so se ripeteranno le stesse unità di vendita.

  • Ooo chissá.. Ne ho avuta una e l’ho appena cambiata per fortuna

  • Federico Di Cristina

  • Errore madornale..

    • E sempre un errore abbandonare un segmento del mercato ,lo fu con la 159 perdendo parecchi clienti che ora dovranno essere riguadagnati con la nuova Giulia . Speriamo che almeno nascano tutti i nuovi modelli di cui si parla modo da avere un listino competitivo !!!

    • Era “quasi” diventato un classico come la 500

  • la Mito è molto bella, ma ha un limite che ha 3 porte. Non c’è stata lungimiranza nella sua storia di produzione, ad un certo punto 4 5 anni fa circa dovevano capire che andava fatta una versione 5 porte, ma la fiat non lo ha mai fatto xche avrebe fatto concorrenza alla grande punto…insomma mi dispiace dirlo ma chi gestiùsce non è all’altezza del marchio

    • La Mito merita di essere tolta di mezzo, anzi dovevano farlo tanto tempo fa. Altro che 3 e 5 porte, la Mito è uno scherzo

  • La Mito ha bisdogno di una erede a 5 porte che aggredisce il mercato tra il segmento A e B…nel segmento C c’è la Giulietta, e nel segmento D c’è la Giulia…insomma non vorrei che Marchionne e la fiat non capiscano e interessi interni contrastanti affossino certe linee di marchio…

  • In verità è così la mito sparirà definitivamente quando la Giulia sarà messa in commercio e la più economica alfa sarà la futura Giulietta a trazione post.

  • ?

  • Bei cazzoni. …dov’è che mi tolgo la mia mito del 2010 e mi prendo la mito racer 1.6 jtdm prima che la tolgono dai maroni

  • FINALMENTE !!!

  • Scelta opinabile, considerando che la MiTo era l’unica in gamma accessibile ai neopatentati e che Alfa è considerata un brand molto popolare tra i giovani. Ma capisco che ciò serve per resuscitare la vecchia Alfa Romeo.

  • Quel frontale quanto e’ brutto…. Cmq chissa’ che stanno combinando in fiat?

  • ca se voit que c est une italienne

  • Rimettessero in commercio la 147! Le vendite secondo me slitterebbero vicino alla Giulietta (e la Giulia)

    • Grave sbaglio mandare in pensione una delle alfa piu vendute negli ultimi 10 anni!

    • Perché alla 156 che gli vuoi dire? È stupenda

    • Ma come la 147 tutte le auto precedenti.. In 159 e Brera ad esempio bastava alleggerire un po’ il peso.. E non ci sarebbe stata competizione con nessuna.. Perché la 1750 tbi 200cv, l’ho posseduta.. E non c’è crucca, pari si segmento, che abbia minima possibilità di vincita.. Però è’ troppo pensate.. È’ questo incide sui consumi ecc.. Nonché il 1750 era stato progettato ottimamente per le strade italiane ( limiti dossi ecc) ma per le strade tedesche, ove i limiti non ci sono, tali motori saltavo prorpio.. In ogni caso peccato davvero.. Qualsiasi 147 messa a paragone con qualsiasi audi a 3.. Proprio non ci sono storie.. È’ 10 spanne sopra.. E 4 davanti 😉

    • io parlo data la mia esperienza con la 147. Ho visto che ha venduto moltissimo e nel 2010 mandarla in pensione è stato un errore… anke la 156 è stata una grande macchina, mi piacerebbe possederne una

  • Era ora!!!

  • La macchina più brutta di casa Alfa … Menomale ??

    • Sei fuori!

    • Certo che no !! Io sono possessore di una 159 … Sono un alfista da anni … E la mito fa veramente pena

    • Questa è un’alfa !!!

    • Si è proprio brutta hai ragione !

    • Apparte che son due segmenti diversi inutile il paragone ,la 159 e stupenda una linea fantastica molto elegante sportiva e cattiva ,la linea della MiTo è piu giovanile una linea più “difficile diciamo va a gusti …. comunque son entrambe due alfa !!nn iniziamo con le discriminazioni tra di noi seno arriva il purista e dice nessuna delle due e alfa e così via …..

    • Sono Alfista dalla Giulietta 1.8 del 1983 fino a 156 2.4 e 159….La 159 ha un estetica paurosa ma la cattiveria si ferma li….non si muove!!!

    • Il peso una delle grandi pecche di auto che sarebbe potuta essere perfetta . Dal canto suo la MiTo pur nn avendo la stessa estetica seducente e molto leggera e questo gli permette con motorizzazioni molto più piccole di avere prestazioni simili se nn superiori vedi qv …..

    • Guarda con la 156 2.4 20v volo…spinge forte e subito, la 159 è bellissima, grande tenuta, ma come dici tu pesa troppo, lenta in tutto…con una 6a che la fa addormentare…

  • Il bidone Audi A1 sentitamente, ringrazia…

  • AAAAAAAAHH Ilario Sini ! E miaaaa

  • Le segmento b danno guadagni di poche centinaia di euro a vettura . Alfa deve diventare redittiva a tutti i costi

  • Che poi brutta dove.. Si può migliorare si.. Ma rispetto alle rivali di segmento.. Perdonatemi.. Ma se le mangia in insalata!

    • È un auto con una linea così unica e particolare che può piacere alla follia o sembrare un aborto ,detto questo chi è veramente alfista nn dovrebbe essere contento del suo ritiro senza una sostituta , se nn piace nessuno obbliga ad acquistarla ma se ha un mercato e vende fa guadagnare alfa e permette nuovi investimenti e nuovi modelli differenti ,più modelli hai a listino è più vendi !!

  • peccato tra le compatte è decisamente la più bella

  • Nooooooo…tristezza!

  • Me la guardo sono già 6 anni che ho la mia ??? mi dipiace molto sto post. ..

  • Jacopo Bertinazzi

  • a me è sempre piaciuta, linea originale, ben diversa dalla altre, avrebbero dovuto farne una versione a 5 porte e un piccola coupè sportiva senza compromesi, spero che Alfa ne riproduca una nuova magari tra un paio d’anni, come auto d’ingresso nel mondo Alfa Romeo

  • Si deve fare una serie limitata, una versione sportiva come questa!

  • la migliore in tutti i sensi nel suo segmento

  • Giorrd

    Capisco il dispiacere di molti, tuttavia l’uscita di Alfa Romeo dal segmento B è indispensabile per il riposizionamento del marchio nel top della produzione premium.
    Lasciamo a FIAT il segmento B, un nuovo modello della gamma Abarth sarebbe l’ideale.