Tesla fa causa a un’azienda che ha usato i suoi brevetti contrariamente a quanto detto da Musk in passato

Avatar photo
La società australiana Cap-XX avrebbe violato alcuni brevetti di Tesla
Tesla Causa superconduttori

Venerdì, Tesla ha intentato una causa presso il tribunale federale del Texas contro la società australiana Cap-XX, sostenendo che i supercondensatori di quest’ultima violano due brevetti statunitensi detenuti da una consociata di Tesla e vengono utilizzati per immagazzinare energia nelle batterie dei veicoli elettrici. La cosa sorprende in quanto ‘amministratore delegato di Tesla, Elon Musk, ha promesso di non “introdurre azioni legali contro chiunque, in buona fede, voglia utilizzare la nostra tecnologia“. Ma a quanto pare non sarebbe questo il caso.

Tesla, contrariamente a quanto detto da Musk, denuncia azienda per violazione dei suoi brevetti

Ricordiamo che i supercondensatori sono dispositivi elettronici che hanno la capacità di accumulare una grande quantità di carica elettrica, molto maggiore di quella dei condensatori tradizionali. I supercondensatori sono costituiti da due elettrodi, un separatore e un elettrolita, ma a differenza dei condensatori normali, l’elettrolita è solido o semisolido. I supercondensatori sfruttano il fenomeno del doppio strato elettrochimico, che si forma tra gli elettrodi e l’elettrolita, per creare una separazione di carica a livello molecolare.

Maxwell Super Capacitor 16V 500F
Maxwell Super Capacitor 16V 500F

I supercondensatori sono utilizzati in diversi ambiti, come l’automotive, le telecomunicazioni, le energie rinnovabili, la medicina e l’elettronica. I supercondensatori possono essere usati come accumulatori di energia, come supporto alle batterie o come sostituti delle batterie in alcune applicazioni. I supercondensatori sono ancora in fase di sviluppo e ricerca, e presentano alcune sfide tecniche e economiche da superare prima di diventare una tecnologia diffusa e competitiva.

In realtà questa causa di Tesla è una risposta a una precedente causa che Cap-XX aveva intentato contro Maxwell Technologies nel 2019, accusandola di aver violato i suoi brevetti sui supercondensatori. La casa automobilistica di Elon Musk ha acquisito Maxwell Technologies nel 2019. Come Cap-XX, Maxwell produce supercondensatori per i veicoli elettrici che aumentano le loro capacità di immagazzinamento energetico.
I brevetti che Cap-XX avrebbe violato riguardano gli elettrodi usati nei supercondensatori, che Tesla ha definito la “principale fonte delle capacità di potenza del dispositivo”.

Il produttore americano di auto elettriche ha chiesto al tribunale un’indennità non specificata per i danni subiti. La causa sembra contraddire direttamente una promessa fatta dal CEO di Tesla Elon Musk. Nel 2014, Musk ha scritto un post sul blog – che è ancora attivo sul sito web dell’azienda – promettendo “Tesla non avvierà azioni legali sui brevetti contro chiunque, in buona fede, voglia utilizzare la nostra tecnologia”.


Il post sul blog affermava che lo sviluppo di veicoli elettrici stava progredendo troppo lentamente, affermando che era “impossibile per Tesla costruire auto elettriche abbastanza velocemente da affrontare la crisi del carbonio — carburo di silicio”.

“La leadership tecnologica non è definita dai brevetti, che la storia ha ripetutamente dimostrato essere una piccola protezione contro un determinato concorrente, ma piuttosto dalla capacità di un’azienda di attrarre e motivare gli ingegneri più talentuosi del mondo”, ha scritto. “Crediamo che l’applicazione della filosofia open source ai nostri brevetti rafforzerà piuttosto che diminuire la posizione di Tesla in questo senso”.

Marca:    Argomento: 
Share to...