Auto elettriche: anche il forte caldo influisce sulla loro autonomia

Avatar photo
Secondo uno studio anche il forte caldo influirebbe sull’autonomia delle auto elettriche
Auto elettriche

Proprio quando pensavamo che solo il freddo potesse influire sulla batteria delle auto elettriche, si scopre che il caldo estremo può avere un impatto simile. Non è solo il funzionamento gravoso dell’impianto di climatizzazione a ridurre l’autonomia. Un nuovo studio ha dimostrato che temperature molto elevate possono ridurre significativamente l’autonomia di alcune auto elettriche.

Non solo il freddo anche il caldo intenso potrebbe causare una riduzione dell’autonomia delle auto elettriche

I risultati sono simili ad altri studi che mostrano come il freddo estremo riduca anche l’autonomia. Una soluzione qui è la pompa di calore. Fortunatamente, però, sembra che l’autonomia non sia influenzata così tanto in estate, a meno che non ci sia un’ondata di caldo. La società con sede a Seattle Recurrent studia e testa migliaia di veicoli ogni anno per analizzare la relazione tra le batterie e la loro autonomia. I suoi ultimi dati suggeriscono che quando la temperatura è troppo alta, alcuni veicoli elettrici possono perdere quasi 1/3 della loro autonomia dichiarata.

Sebbene Recurrent non abbia rivelato modelli specifici, ha affermato che alcune auto elettriche hanno avuto una riduzione del 31 per cento della durata della batteria quando la temperatura ha superato i 38 gradi Celsius. Questa è la stessa azienda che l’anno scorso ha riferito che le temperature molto rigide hanno un impatto simile. La Ford Mustang Mach-E e la Volkswagen ID.4 hanno mostrato una riduzione del 30 per cento dell’autonomia quando la temperatura è scesa sotto lo zero. Tuttavia, temperature meno estreme hanno scarso effetto sulla durata della batteria.

Auto elettriche

Secondo Greg Less del Battery Laboratory dell’Università del Michigan, la diminuzione della portata a queste alte temperature è dovuta alla chimica della batteria. “Quando la temperatura supera i 40 gradi Celsius, inizia a verificarsi una rottura dello strato passivo sull’anodo che influisce sull’elettrolita liquido con conseguente riduzione della portata e della durata della batteria a lungo termine”, afferma. Vedremo dunque cos’altro sarà scoperto e se ci saranno delle valide soluzioni per risolvere questo problema.

  Argomento: 
Share to...