in

Alfa Romeo Scarabeo esposta allo Château de Compiègne

La speciale vettura del Biscione riusciva a raggiungere i 200 km/h di velocità massima

Alfa Romeo Scarabeo

Fino al 23 marzo 2020, il castello francese di Compiègne ospita la mostra Concept-car. Beauté pure che permette di fare un viaggio nel campo del car design tra la fine del XIX secolo e gli anni ‘70 del 900 tramite un’esposizione di 30 vetture, motociclette e veicoli da record, molti dei quali esposti per la prima volta in Europa.

In occasione di questa manifestazione, Alfa Romeo ha deciso di portare la sua bellissima Alfa Romeo Scarabeo del 1966 che viene abitualmente esposta presso il Museo Storico Alfa Romeo – La macchina del tempo e concessa in prestito da FCA Heritage, il dipartimento che tutela e promuove la storia dei marchi italiani di Fiat Chrysler Automobiles.

Alfa Romeo Scarabeo

Alfa Romeo Scarabeo: la speciale vettura proviene direttamente dal Museo Storico Alfa Romeo

In seguito al cedimento del progetto Tipo 33 ad Autodelta, Giuseppe Busso propose un progetto di un’altra vettura sportiva Alfa Romeo con motore montato posteriormente ma con il 4 cilindri della GTA. Stiamo parlando proprio dell’Alfa Romeo Scarabeo.

Il propulsore venne installato trasversalmente al posteriore, assieme a frizione e cambio mentre il telaio tubolare riprende l’ambiziosa soluzione vista proprio sulla 33, dei grossi longheroni tubolari ai lati dell’abitacolo contenenti i serbatoi di carburante.

Alfa Romeo Scarabeo

La carrozzeria venne studiata dalla Carrozzeria OSI di Borgaro Torinese. Il primo esemplare dell’Alfa Romeo Scarabeo con guida a destra venne presentato in occasione del Salone di Parigi del 1966 e successivamente venne costruito un secondo prototipo dal disegno semplificato (che poi sarebbe la vettura attualmente esposta a Compiègne), oltre a una barchetta che però non venne completata.

Parlando un po’ delle sue specifiche tecniche, l’Alfa Romeo Scarabeo propone un motore montato sul retro in posizione trasversale verticale. Si tratta di un’unità a 4 cilindri in linea con monoblocco e testata in lega leggera più due alberi a camme in testa con comando a doppia catena. La cilindrata proposta da questo propulsore è pari a 1570 cc.

Complessivamente, il powertrain riesce a sviluppare una potenza di 115 CV a 6000 g/min e consente alla vettura di raggiungere una velocità massima pari a 200 km/h, grazie anche al suo peso di soli 700 kg.