in

Correa spiega perché non ha potuto evitare l’auto di Hubert nell’incidente di Spa

Juan Manuel Correa ha rivelato nuovi dettagli sull’incidente di Formula 2 a Spa-Francorchamps che ha provocato la morte di Anthoine Hubert

Juan Manuel Correa
Juan Manuel Correa

Il collaudatore di Alfa Romeo Racing, Juan Manuel Correa ha rivelato nuovi dettagli sull’incidente di Formula 2 a Spa-Francorchamps nel mese di agosto che ha provocato la morte di Anthoine Hubert. La coppia si è scontrata all’uscita di Raidillon dopo che la macchina di Hubert ha colpito una barriera all’esterno della curva al secondo giro della gara. La collisione è avvenuta pochi istanti dopo che l’auto di Giuliano Alesi era partita alla stessa curva. Correa ha spiegato in un’intervista con Mundo Sport e F1 Feeder Series che la sua auto è stata colpita da detriti di Alesi prima di colpire la macchina di Hubert.

“Quando ho superato Eau Rouge ho calpestato i detriti della macchina di Alesi che è passata sotto le ruote anteriori, li ho sollevati così sono andato dritto, con la sfortuna che sono andato dritto nella macchina di Hubert”, ha detto. Ha contribuito all’imminente rapporto della FIA sulla causa dell’incidente. “È tutto chiaro”, ha detto, “ho avuto incontri con la FIA, è stato un incidente molto  sfortunato, una lunga catena di eventi in cui sono state coinvolte quattro o cinque auto.

“Ciò che ho detto su ciò che ho vissuto coincide con il rapporto della FIA. Ma è finita, nessuna indagine cambierà il fatto che avrò un anno difficile da affrontare. ” Secondo Correa la forza dell’impatto è stata misurata a 70G. Ha subito gravi lesioni alla gamba destra e la sua riabilitazione dovrebbe durare oltre un anno. “Sfortunatamente, è molto probabile che non avrò mai una ripresa completa nella mia gamba”, ha detto. “Ma combatterò per recuperarla abbastanza da riaccendere l’acceleratore.”

Sembra che tu abbia bloccato le nostre notifiche!

Clubalfa.it è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato sulle nostre notizie SEGUICI QUI

Lascia un commento