in ,

Seggiolini salvabebè: multe dal 1° marzo 2020

Non vale più la data del 7 novembre 2019: retromarcia del ministero dei Trasporti, che ha annunciato un provvedimento per mettere in freezer la norma

Telenovela seggiolini salvabebè: quinta puntata di una storia sempre più stucchevole, che mette in pessima luce sia il ministero dei Trasporti sia il governo M5S-Pd. Le multe al 99% scatteranno il 1° marzo 2020. Non varrà più la data del 7 novembre 2019. Questa norma verrà messa in freezer per sei mesi circa. C’è la disponibilità dell’esecutivo e dell’intera maggioranza a intervenire per posticipare l’applicazione delle sanzioni, ha detto infatti la ministra Paola De Micheli. Il governo sta lavorando per far slittare all1 marzo 2020 l’avvio delle multe per i non provvisti del dispositivo.

Seggiolini salvabebè: confusione massima

Tutto nasce un anno fa. Dopo la legge, arrivano i decreti attuativi dei seggiolini salvabebè, obbligatori per i genitori con bimbi under quattro anni. La norma scatta, viene stabilito, il 7 novembre 2019. Ma a oggi i dispositivi sono pochissimi. In più, il bonus di 30 euro è solo per il 30% dei genitori. Che lo otterranno dopo l’acquisto, conservando lo scontrino. Perché manca un decreto che specifichi un decreto, che specificava una legge. Confusione massima, su una questione così delicata come la vita dei piccini: i seggiolini salvabebè avvisano i genitori che dimenticano i piccini sotto il Sole, in auto, d’estate. Con il rischio che muoiano per asfissia o ipertermia.

Come funzionano

Se e quando tutti potranno comprarli, i seggiolini salvabebè dovranno attivarsi automaticamente a ogni utilizzo senza bisogno che il conducente compia ulteriori azioni. Dovranno dare un segnale di conferma di avvenuta attivazione. In caso di abbandono, dovranno attivarsi con segnali visivi e acustici o visivi e di vibrazione. Questi alerta dovranno essere percepibili o all’interno o all’esterno del veicolo. Inoltre è possibile che seggiolini e dispositivi anti-abbandono siano collegati allo smartphone del genitore con una app o tramite Bluetooth per inviare notifiche.