in

Fiat Chrysler adotta i server Cisco UCS

Fiat Chrysler Automobiles ha adottato i server Cisco Unified Computing System (UCS) per lavorare con il concetto di desktop virtuale

Fiat Chrysler
Fiat Chrysler

Fiat Chrysler Automobiles in Brasile ha adottato i server Cisco Unified Computing System (UCS) per lavorare con il concetto di desktop virtuale (VDI). L’obiettivo con Cisco era quello di creare un ambiente in grado di eseguire disegni ad alta velocità e prestazioni generati e gestiti da team di tecnici. Il design del data center basato su piattaforma Cisco UCS ha ridotto il tempo totale di elaborazione dei dati nel software di modellazione 3D, riducendo il processo da 50 a cinque minuti. Cisco Partner ForceOne era responsabile del progetto con FCA.

Lo sviluppo del veicolo di Fiat Chrysler Automobiles si concentra su Betim (Minas Gerais), ma la sfida dell’azienda è iniziata quando questi progetti dovevano essere condivisi con professionisti di altre unità, come Goiana (Pernambuco), Cordoba (Argentina) e altri impianti. in altri continenti come il Nord America, l’Europa e l’Asia, nonché con i fornitori. L’integrazione ha generato un grande volume di traffico dati. Di conseguenza, l’azienda ha dovuto affrontare sfide quali i costi richiesti per le connessioni che supportano il volume di dati e problemi di prestazioni. Anche con reti ad alta velocità, la gestione di file tridimensionali non ha offerto una buona esperienza utente.

L’ambiente VDI è stato progettato per semplificare i processi di sviluppo delle auto, poiché è possibile accedere e manipolare in remoto progetti e file di progettazione. Con i server Cisco UCS, Fiat Chrysler ha visto la possibilità di virtualizzare interfacce grafiche (GPU) NVIDIA ad alta capacità. L’obiettivo principale della soluzione VDI FDI è sui fornitori esterni, poiché la virtualizzazione desktop semplifica il processo di connessione, riducendo i costi e aumentando le prestazioni. La soluzione ha permesso di centralizzare l’elaborazione dei sistemi di ingegneria presso il data center di FCA a Minas Gerais. Attualmente, è possibile costruire e testare ciascuna delle oltre 5.000 parti che formano un’intera macchina in modo completamente virtuale.

Oggi, circa 80 membri dello staff Fiat Chrysler lavorano con la soluzione. “Invece di una potente workstation e quindi costi di acquisizione e manutenzione più elevati, i progetti possono ora essere aperti su qualsiasi dispositivo. In questo modo, lo stesso notebook utilizzato per leggere la posta elettronica o eseguire altre attività amministrative”, afferma Anderson Tavares Pereira, specialista IT focalizzato sull’ingegneria del prodotto. ForceOne, partner del progetto Cisco, ha sede a Belo Horizonte. La società gestisce anche marchi come VMware, Veeam, Microsoft e Citrix.

Sembra che tu abbia bloccato le nostre notifiche!

Clubalfa.it è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato sulle nostre notizie SEGUICI QUI

Lascia un commento