in

FCA multata di $ 40 milioni per aver gonfiato le vendite in USA

FCA è stata condannata a pagare una multa di 40 milioni di dollari per aver gonfiato i dati relativi alle su e vendite in USA negli scorsi anni

FCA
FCA

FCA è stata condannata a pagare una multa di 40 milioni di dollari per aver gonfiato i dati relativi alle sue vendite in USA negli scorsi anni. Secondo la Securities and Exchange Commission, la società ha indotto in errore gli investitori sul numero di nuovi veicoli venduti negli Stati Uniti.

La presunta frode si sarebbe verificata tra il 2012 e il 2016 e la SEC afferma che “FCA US ha pubblicato comunicati stampa mensili che riportano erroneamente le vendite di nuovi veicoli e propagandano falsamente una crescita ininterrotta delle vendite mensili su base annua, quando in realtà la striscia di crescita era stato interrotto a settembre 2013. ”

Al fine di aumentare i numeri, la SEC afferma che la società ha pagato i rivenditori per segnalare vendite di veicoli false mantenendo un “database di vendite effettive ma non dichiarate”. Quando la casa automobilistica pensava di non riuscire a mantenere la propria crescita delle vendite “FCA US riportava le vecchie vendite come se fossero appena avvenute”.

Inutile dire che questo è altamente ingannevole e renderebbe praticamente impossibile per gli osservatori esterni sapere quali erano effettivamente le vendite dell’azienda. A seguito di una lunga indagine, la SEC ha riscontrato che la società ha violato le disposizioni antifrode del Securities Act del 1933 e del Securities Exchange Act del 1934, nonché le disposizioni relative alla tenuta dei registri e alla comunicazione dello Exchange Act. FCA e Fiat Chrysler USA hanno deciso di risolvere il problema, pagando l’ammenda di $ 40 milioni.

Ti potrebbe interessare: FCA concende ancora tempo agli abitanti di Detroit per presentare domanda di lavoro

Sembra che tu abbia bloccato le nostre notifiche!

Clubalfa.it è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato sulle nostre notizie SEGUICI QUI

Lascia un commento