in

FCA eviterà multe UE per la CO2 nel 2019 e nel 2020 secondo Manley

Mike Manley ha dichiarato che FCA non dovrà pagare multe per non aver rispettato le più severe normative europee sul CO2 nel 2019 e 2020

FCA logo

Mike Manley, CEO di Fiat Chrysler Automobiles, ha dichiarato che la casa automobilistica non dovrà pagare multe per non aver rispettato le più severe normative europee sul CO2 nel 2019 e 2020. FCA sarà conforme a causa di un accordo di credito regolamentare con Teslae d anche per i prossimi debutti delle versioni ibride plug-in versioni di Jeep Compass, Renegade e Wrangler, nonché l’aggiunta di una Fiat 500 completamente elettrica e l’arrivo di motori a combustione più efficienti, ha affermato il dirigente. “Quest’anno continueremo a implementare le tecnologie dei motori tradizionali migliorate, compresi i nostri nuovi motori a benzina a tre e quattro cilindri GSE”, ha dichiarato Manley agli analisti durante una teleconferenza per discutere i risultati finanziari del secondo trimestre di FCA.

I motori a benzina GSE da 1,0 e 1,3 litri GSE sono prodotti a Bielsko Biala in Polonia e sono attualmente offerti sul piccolo crossover Fiat 500X e sul Renegade. L’avvio della produzione aggiuntiva dei motori è previsto nello stabilimento di FCA a Termoli, in Italia, l’anno prossimo. Nel 2020, FCA lancerà una Fiat 500 a batteria e le Jeep ibride plug-in. Manley ha affermato che con questi lanci i veicoli elettrificati rappresenterebbero circa il 5% del mix di vendite europee di Fiat Chrysler. Questi veicoli, combinati con il lancio di versioni ibride di modelli come la Fiat 500 e la Jeep Renegade e i vantaggi che FCA trarrà dalla messa in comune dei suoi risultati con quelli di Tesla hanno lasciato Manley molto fiducioso.

Mentre FCA prevede che eviterà multe, avrà comunque un costo sostanziale per raggiungere la conformità. Il direttore finanziario Richard Palmer ha dichiarato durante la teleconferenza del primo trimestre del gruppo che il costo per raggiungere la conformità in Europa quest’anno è di 120 milioni di euro. Il costo totale globale per la conformità nel 2019 dovrebbe essere “moderatamente più alto” rispetto ai 600 milioni di euro spesi nel 2018.

Il CFO ha affermato che i costi di conformità rappresentano un trascinamento di 50 punti base (0,5 per cento) sul margine di profitto di Fiat Chrysler nella regione EMEA. L’elettrificazione aumenterà anche i costi industriali, ha aggiunto. Manley ha dichiarato che la sua società mira a recuperare il 60 percento dei costi aggiuntivi di elettrificazione del veicolo attraverso i prezzi.

Manley non ha detto se FCA sarà anche in grado di evitare multe nel 2021, quando le nuove norme UE entreranno in vigore (le case automobilistiche dal prossimo anno dovranno rispettare il 95% delle loro vendite). Il CEO ha affermato che l’obiettivo della sua azienda è essere conforme senza l’aiuto dei crediti di Tesla entro il 2022. Per raggiungere la piena conformità entro il 2021, Fiat Chrysler prevede di aggiungere un’altra vettura completamente elettrica alla gamma, un altro ibrido plug-in e altri quattro ibridi leggeri. 

Clubalfa.it è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato sulle nostre notizie SEGUICI QUI

Lascia un commento