in

Sosta con finestrini aperti? Può scattare la multa

Lasciare l’auto in sosta con finestrini può essere punito con una multa

Sosta con finestrini aperti

Lasciare l’auto in sosta con finestrini aperti può costituire una violazione al Codice della Strada. Anche se non è scritto espressamente (e non ne tutti sono a conoscenza) il testo normativo permette di elevare una sanzione economica per tutti quegli automobilisti che commettano il gesto.

Sosta con finestrini aperti: violazione al Codice della Strada

Tra le varie indicazioni fornite, su dove e come sia possibile oppure vietato lasciare in sosta i propri veicoli, l’art. 158 comma n. 8 enuncia: “Durante la sosta e la fermata il conducente deve adottare le opportune cautele atte a evitare incidenti ed impedire l’uso del veicolo senza il suo consenso”. Nelle righe che seguono segnala le possibili conseguenze a cui è possibile andare incontro: “Chiunque viola le altre disposizioni del presente articolo (come quella sopra citata) è soggetto alla sanzione amministrativa e al pagamento di una somma da euro 24 a euro 97 per i ciclomotori e i motoveicoli a due ruote e da euro 41 a euro 168 per i restanti veicoli”.

Letto così, il testo appare chiaro e facilmente comprensibile. Solo che un recente caso di cronaca, successo ad Alghero, in Sardegna, scatena l’indignazione. Ecco perché è doveroso fare luce su quali sono “le opportune cautele atte a impedire l’uso del veicolo senza il proprio consenso”. Difatti, un ignaro turista ha ricevuto una multa per aver lasciato aperto il finestrino della propria automobile. Il motivo? Istigazione al furto.

La reazione dell’uomo

Ricevuta la spiacevole sorpresa, l’uomo è immediatamente intervenuto, considerando assurda la “condanna” e anche la conseguente multa. Una volta preso contatto con l’avvocato, ha però suo malgrado constatato che non si fugge da quanto prescrive il Codice della Strada all’art. 158 e ha dovuto così provvedere al pagamento della sanzione entro i celebri cinque giorni che assicurano lo sconto, così da versare 29 euro anziché 41.

Man mano lo spiacevole accaduto sta facendo il giro d’Italia, e in qualche maniera, l’uomo si sente ripagato. Ai giornalisti ha affermato quanto segue: “Mi sento vittima di un eccesso di zelo, troppa severità, non capisco proprio. Mi chiedo cosa dovrebbe succedere a chi ha una moto o una decapottabile. Se c’è il cane in auto viaggio sempre con i finestrini aperti, sono uscito di mattina presto per fare un giro con lui, ho fatto la spesa e poi ho posteggiato, ho preso l’animale, le buste della spesa e ho dimenticato di chiudere l’auto”.

“Applicato il Codice della Strada”

Il maggiore Carmelo Pais della Polizia locale, che attualmente regge il comando di via Mazzini, difende invece l’operato: “Un agente esperto e competente ha fatto quel che dice il Codice della Strada. Ci aveva segnalato la presenza di un’auto sospetta, forse rubata, perché lasciata con i finestrini aperti e senza la sicura agli sportelli. La pattuglia è arrivata e ha constatato che, oltre al rischio di furto, qualche malintenzionato avrebbe potuto tirare giù il freno a mano e far finire la vettura, che era in discesa, in mezzo alla strada”.