in

Fiat Chrysler ha firmato un accordo con Enel ed Engie per gli EV

Il gruppo italo americano ha firmato un accordo con Enel ed Engie per aiutare a offrire ai propri clienti punti di ricarica per veicoli elettrici

Fiat Chrysler Automobiles FCA

Fiat Chrysler ha firmato un accordo con le utility europee Enel ed Engie per aiutare a offrire ai propri clienti punti di ricarica per veicoli elettrici (EV) che prevede di implementare. FCA, che è in ritardo rispetto allo sviluppo di veicoli elettrificati, ha dichiarato che lo scorso giugno investirà 9 miliardi di euro nei prossimi cinque anni per introdurre auto ibride ed elettriche in tutte le regioni.

Fiat Chrysler ha firmato un accordo con le utility europee Enel ed Engie per aiutare a offrire ai propri clienti punti di ricarica per veicoli elettrici

Il mese scorso, la casa automobilistica italo americana ha proposto una fusione con la rivale francese Renault in parte per condividere i costi di sviluppo di una nuova serie di auto elettriche. I colloqui di fusione sono stati interrotti all’inizio di questo mese. In una nota, Fiat Chrysler ha dichiarato che l’obiettivo principale delle sue partnership con Enel ed Engie era quello di poter offrire stazioni di ricarica pubbliche e private per supportare le vendite del suo Fiat 500 BEV e dell’ibrido plug-in completamente elettrico Jeep Renegade PHEV che saranno presto lanciati sul mercato.

“Stiamo assemblando un ecosistema di partner, prodotti e servizi su più mercati per soddisfare e superare le aspettative in continua evoluzione dei nostri clienti per i veicoli elettrificati”, ha dichiarato l’amministratore delegato FCA Mike Manley. L’accordo comprende anche lo sviluppo di servizi come app per consentire ai clienti di individuare punti di ricarica pubblici. Enel, attraverso la sua unità Enel X, lavorerà con FCA in Italia, Spagna e Portogallo, mentre Engie lavorerà con il costruttore automobilistico in altri 14 mercati europei.