in

Fiat Chrysler e Renault: domani il Consiglio della società francese darà una risposta

Nella giornata di domani il Consiglio d’amministrazione di Renault deciderà se accettare o meno la proposta di fusione

Fiat Chrysler e Renault

Domani è una giornata importante per quanto riguarda l’accordo di fusione tra Fiat Chrysler Automobiles e Renault. Il Consiglio d’amministrazione della casa automobilistica francese infatti dovrebbe dare la sua risposta alla proposta di fusione di FCA. Un’eventuale risposta positiva aprirebbe i negoziati veri e propri tra le due società che porterebbero ad una fusione. Ricordiamo che molto probabilmente anche Nissan sarà coinvolta nell’operazione. John Elkann ha dichiarato di voler parlare con il numero uno della società giapponese Hiroto Saikawa. Quest’ultimo ha aperto alla trattativa e si è detto disposto a sentire il numero uno di Fiat Chrysler Automobiles. 

Il governo francese sembra propenso verso questa fusione. Il Ministro dell’Economia francese Bruno Le Maire ha parlato di “una bella opportunità per Renault. Anche dall’Italia non sembrano arrivare ostacoli dalla politica a patto ovviamente che vengano salvaguardati tutti i posti di lavoro. Ma da questo punto di vista non dovrebbero esserci problemi. Nei giorni scorsi si sono diffuse alcune indiscrezioni relative a disaccordi sui punti dell’accordo tra le due società. Secondo voci di corridoio Fiat Chrysler sarebbe comunque disponibile a venire incontro alla contro parte modificando leggermente i termini dell’accordo migliorando ulteriormente l’offerta. I dirigenti di Renault hanno già condotto diverse sessioni informali per discutere della fusione tutta la settimana scorsa. L’interesse strategico dell’operazione, le possibili sinergie e garanzie fornite da FCA in termini di governance e impronta industriale rappresentano degli elementi di sicuro interesse per la società francese.

 

Sembra che tu abbia bloccato le notifiche!

Clubalfa.it è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato sulle nostre notizie SEGUICI QUI

Lascia un commento