in

Renault afferma che in caso di fusione con FCA i posti di lavoro saranno salvaguardati

Jean-Dominique Senard numero uno di Renault conferma che la fusione porterà benefici a tutti

Convincere gli azionisti di Renault e Fiat Chrysler Automobiles sul merito di una fusione può essere la parte facile. Il compito più difficile è far digerire l’accordo al partner dell’alleanza Renault, Nissan, così come ai sindacati e ai politici diffidenti per la paura di tagli di posti di lavoro. Jean-Dominique Senard, che è stato scelto per guidare il gruppo nascente dalla fusione, è volato a Tokyo per  parlare con i dirigenti di Nissan. Giovedì, in un’intervista, ha parlato del progetto dicendo che questo avrebbe portato ad una grande alleanza e che avrebbe fabbricato e venduto auto in tutto il mondo, tenendo le persone occupate e sfornando profitti.

“Può succedere solo se le persone sono aperte a ciò”, ha detto Senard, 66 anni, che ha partecipato a una riunione per il consiglio che supervisionava l’alleanza tra Nissan, Renault e Mitsubishi Motors. Senard è venuto per spiegare i vantaggi dell’accordo FCA-Renault ai dirigenti giapponesi, che hanno iniziato l’incontro di mercoledì con molte domande. Alla fine, sembra che i dirigenti nipponici si siano convinti. “Una partnership più stretta può solo migliorare l’alleanza”, ha detto Senard.

“Nissan ha compreso il messaggio che ho portato qui, anche se ovviamente non possono digerirlo in una sola notte”, ha detto. Dopo aver trascorso tre giorni in Giappone, Senard tornerà in Europa per lavorare insieme a Fiat Chrysler e Renault. Non prevede alcun serio ostacolo normativo per la fusione. Alla domanda se l’adesione di due case automobilistiche europee si tradurrebbe in tagli di posti di lavoro, Senard ha affermato che l’accordo “non richiederà sacrifici ai dipendenti dei due gruppi”.

Secondo FCA, la fusione non comporterà alcuna chiusura degli impianti, anche se non ha menzionato eventuali tagli di posti di lavoro potenziali quando l’accordo è stato annunciato. La combinazione ha anche la benedizione dei governi italiano e francese, che sono costantemente in guardia contro il rischio di disordini sindacali. La transazione sarebbe strutturata come una proprietà del 50-50 attraverso una holding olandese, con gli azionisti Renault, incluso il governo francese, con un premio implicito di circa il 10%. Il consiglio di amministrazione della Renault dovrebbe dare l’approvazione preliminare alla proposta la settimana prossima. Senard ha detto giovedì che l’operazione richiederà circa un anno per essere completata.

Looks like you have blocked notifications!

Clubalfa.it è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato sulle nostre notizie SEGUICI QUI

Lascia un commento