in

FCA Heritage protagonista alla rassegna Autopromotec 2019 con 4 classici

4 storiche auto di FCA dipinte in rosso saranno esposte all’edizione 2019 della rassegna

Alfa Romeo SZ
Alfa Romeo SZ

Dal 22 al 26 maggio, si terrà la 28esima edizione dell’evento Autopromotec, la biennale internazionale della attrezzature e dell’aftermarket automobilistico, nel quartiere fieristico di Bologna. La rassegna, nata nel 1965, viene organizzata da Promotec, società di servizi appartenente all’Associazione Italiana Ricostruttori Pneumatici (AIRP) e all’Associazione Italiana Costruttori Autoattrezzature (AICA).

Oltre ai tantissimi convegni ed incontri che si svolgeranno, l’Autopromotec 2019 avrà due focus: la rassegna “Hybrid & ADAS Village” e la mostra “Italia: la passione in rosso“. La prima verrà allestita nell’area esterna 48 della Fiera dove si potranno provare i vari sistemi di sicurezza ADAS mentre la seconda vedrà l’esposizione di 6 auto d’epoca tutte rosse, 4 delle quali provengono dalla collezione di FCA Heritage.

Fiat 1100 S
Fiat 1100 S

FCA Heritage: la divisione prende parte ad Autopromotec 2019 con 4 storiche vetture

In particolare, dalla collezione storica della divisione del gruppo sono state scelte le Fiat 1100 S del 1948, Abarth 2400 Coupé del 1964, Lancia Rally 037 del 1982 e Alfa Romeo SZ del 1989. Da sempre il rosso è considerato il colore della passione, oltre che la tinta delle vetture sportive italiani.

Fin dagli anni ’20, infatti, Ferrari, Alfa Romeo e Maserati scelsero di abbandonare il nero per far posto al rosso sulle vetture da competizione con lo scopo di distinguere le squadre italiane che gareggiavano nei campionati automobilistici internazionali.

Secondo lo schema stabilito dall’associazione (diventata successivamente FIA), le auto francesi dovevano essere in blu, quelle tedesche in bianco, quelle britanniche in verde e quelle italiane in rosso.

Looks like you have blocked notifications!

Clubalfa.it è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato sulle nostre notizie SEGUICI QUI

Lascia un commento