in

Berger pensa che la Ferrari possa vincere il titolo di F1 nel 2019

Gerhard Berger nonostante l’inizio straordinario di Mercedes è convinto che alla fine in Formula 1 vincerà già nel 2019 la Ferrari

Gerhard Berger
Gerhard Berger

Gerhard Berger pensa che un pilota che indossa il rosso vincerà il campionato del mondo 2019. Questo nonostante il fatto che, in tutte e quattro le gare finora disputate quest’anno, la Mercedes abbia ottenuto quattro doppiette consecutive. Ma l’ex pilota di F1 e attuale capo del DTM non pensa che la lotta per il titolo sia già finita. “No, non penso”, ha detto a Speed ​​Week. “La Ferrari non ha ancora sfruttato il suo potenziale e la Red Bull ha molto da aspettarsi.” È un dato di fatto, tuttavia, che nonostante molte promesse pre-stagionali e un passo ovvio, qualcosa non ha ancora funzionato per la Ferrari nel 2019.

Berger, che ha guidato per la Ferrari negli anni ’80 e ’90, ha sostenuto Mattia Binotto come nuovo capo squadra, ma ritiene che il ruolo comune di team principal e direttore tecnico sia troppo. “È responsabile di tutto senza alcun aiuto”, ha detto l’austriaco. “Alla Mercedes hanno Toto Wolff, Niki Lauda e James Allison e Andy Cowell, la Red Bull ha Christian Horner, Helmut Marko e Adrian Newey, ma Binotto ha bisogno di maggiore sostegno in quanto in ciò sta la chiave del successo”.

L’ex pilota ha dichiarato: “Vorrei puntare i miei soldi sulla vittoria di Ferrari”. Ma quello potrebbe essere un pio desiderio, dato il predominio assoluto della Mercedes dall’inizio del power unit nel 2014. “Non è la Mercedes a distruggere il campionato perché la squadra fa un lavoro brillante, ma i regolamenti rendono impossibile agli altri di recuperare”, ha detto. Per quanto riguarda Liberty Media come il nuovo proprietario della F1, Berger ha dichiarato: “La nuova gestione ha portato delle buone notizie, ma in qualche modo l’anima della Formula 1 si è persa.

Hai le notifiche bloccate!

Clubalfa.it è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato sulle nostre notizie SEGUICI QUI

Lascia un commento