in

Gené: “La pressione in Ferrari è inferiore grazie a Binotto”

Secondo Marc Genè Binotto sta riducendo la pressione in Ferrari migliorando l’ambiente

Mattia Binotto

Marc Gené ha dichiarato nelle scorse ore che Mattia Binotto è riuscito a ridurre la pressione sulle spalle delle centinaia di dipendenti della Ferrari. Il periodo di siccità dei titoli che vive nella Scuderia non è terminato, ma il tester del marchio pensa che tutto vada nella giusta direzione grazie alla gestione del nuovo team principal. Marc Gené è convinto che l’ascesa di Mattia Binotto abbia contribuito a scaricare parte della pressione dei dipendenti Ferrari.

Il tester della Ferrari crede che Binotto, dalla sua nuova posizione, e Charles Leclerc, come pilota, contribuiranno al progresso della squadra. “Certo, c’è sempre pressione, perché è ancora la Ferrari, ma la pressione è minore di prima, Mattia è un uomo molto equilibrato”, ha detto Gené nelle dichiarazioni per il portale web olandese Formule 1. 

Inoltre, Gené è convinto che la Ferrari abbia già lasciato indietro i problemi che ha sofferto in Australia. Il catalano crede che il modo di lavorare di Binotto sia molto diverso da quello di Maurizio Arrivabene ed è felice che la nuova gestione stia dando i suoi frutti. “C’è stata un’analisi approfondita del motivo per cui in Australia si è sbagliato, sono stati apportati degli adeguamenti e ora l’auto è tornata al livello della preseason”, ha spiegato.

L’ex riserva di Lotus Davide Valsecchi è d’accordo con Gené. ” Arrivabene era duro e talvolta aggressivo. Binotto è molto più flessibile. E ha rimosso la pressione in eccesso che c’era sulla squadra , ” ritiene Valsecchi, che è convinto che Leclerc può diventare campione già da quest’anno. “Leclerc combatterà per il titolo quest’anno, ne sono sicuro, è già al livello di Vettel in termini di velocità e può gestire la pressione di essere alla Ferrari,” ha aggiunto Valsecchi.