in

Charles Leclerc parla del suo 2018 in Alfa Romeo Sauber

Il giovane monegasco ha fatto un bilancio della sua prima stagione in F1 ed è soddisfatto

Charles Leclerc

La scorsa stagione è stato il primo anno di Charles Leclerc in Formula 1 dopo aver vinto il titolo di F2 nel 2017. Con il suo arrivo alla Sauber, le prime gare sono servite a prendere confidenza con la squadra, la macchina e l’ambiente nei circuiti. Ma da quando si è abituato alla nuova situazione, il Monegasco ha migliorato ogni volta e ha concluso le gare spesso in zona punti. È importante sottolineare che la C37 nel 2018 ha fatto buoni progressi in termini di prestazioni con la scuderia che ha chiuso l’anno all’ottavo posto nella classifica costruttori.

Inoltre, il giovane debuttante è riuscito a entrare in Q3 in 9 occasioni e ha concluso 10 volte un GP in zona punti. D’altra parte, Charles Leclerc ha voluto evidenziare le differenze tra F1 e F2 e ciò che lo ha sorpreso di più è stata la grande quantità di ingegneri che aveva intorno a sé in Alfa Romeo Sauber poiché nella categoria inferiore ne aveva solo uno. Tuttavia, non ci ha messo troppo tempo per abituarsi alla sua nuova vita. “Penso che sarebbe stata una stagione molto difficile a livello mentale se la vettura e io avessimo mantenuto il livello che avevamo all’inizio dell’anno, ma per fortuna le cose sono migliorate una volta che ho iniziato a capire la macchina. Lottare per i punti mi ha dato molte motivazioni, ma se mi fossi trovato nelle stesse posizioni in cui mi trovavo all’inizio della stagione per tutto l’anno, la motivazione sarebbe stata piuttosto bassa “.

Nelle prime tre gare ho imparato molto, ho lavorato molto duramente per capire e identificare i miei punti deboli e le cose che non andavano bene.” Dopo questi tre Gran Premi abbiamo iniziato a fare grandi passi avanti e da quel momento siamo diventati abbastanza forti. “Dopo un po’ ci si abitua al paddock, ha dovuto fare un sacco di cose che non mi aspettavo di dover fare all’inizio dell’anno. Si trattava di piccoli dettagli, ma che hanno fatto una grande differenza”, ha dichiarato Charles Leclerc.