in

Carlos Tavares manifesta grossi dubbi sull’adozione di massa delle auto elettriche

Molti dubbi sull’adozione di massa delle auto elettriche per il CEO di Stellantis Carlos Tavares

Carlos Tavares

In occasione del Freedom of Mobility Forum di ieri il numero uno di Stellantis, l’amministratore delegato Carlos Tavares è tornato a parlare della questione relativa alla diffusione delle auto elettriche. Il boss del gruppo automobilistico ha sollevato dubbi significativi riguardo all’adozione diffusa di veicoli elettrici (EV) durante il suo intervento di ieri.

Molti dubbi sull’adozione di massa delle auto elettriche per il CEO di Stellantis Carlos Tavares

Carlos Tavares  ha espresso preoccupazione per il fatto che un approccio unico ai veicoli elettrici potrebbe non essere adatto a ogni parte del mondo, sottolineando la necessità di allontanarsi dal pensiero dogmatico.

“In un mondo diversificato, è essenziale riconoscere che gli attuali veicoli elettrici potrebbero non soddisfare le esigenze di ogni società”, ha dichiarato il numero uno di Stellantis. Ha evidenziato le sfide associate alle batterie dei veicoli elettrici, sottolineando la necessità di una svolta nella chimica delle batterie per ridurre significativamente il peso e l’utilizzo delle materie prime nel prossimo decennio.

Carlos Tavares ha sottolineato le implicazioni ambientali della notevole quantità di materie prime necessarie per gli attuali pacchi batteria , sottolineando che non si tratta di un risultato sostenibile. Ha sottolineato l’urgenza per l’industria di raggiungere una svolta nella densità di potenza, con l’obiettivo di ridurre il peso e l’utilizzo delle materie prime dei veicoli elettrici di almeno il 50 per cento.

Carlos Tavares

Carlos Tavares ha anche affrontato il problema legato alle sfide per l’adozione dei veicoli elettrici nelle nazioni meno sviluppate, citando questioni come l’accesso limitato all’elettricità e le reti elettriche instabili. Infine Tavares ha espresso scetticismo riguardo all’idrogeno come valida alternativa per la mobilità di massa a causa del suo costo elevato, soprattutto per i cittadini comuni. Ha suggerito che, per il prossimo futuro, l’idrogeno potrebbe essere fattibile solo per le flotte di grandi aziende piuttosto che per i singoli consumatori. Insomma anche in questa occasione il CEO di Stellantis ha manifestato tutte le sue perplessità lasciando intendere che la svolta elettriche dei suoi brand sia dettata più da necessità che da convizione.