in ,

Charles Leclerc commenta amaramente il suo sesto ritiro stagionale in Formula 1

Charles Leclerc
Charles Leclerc

Charles Leclerc ha firmato il suo sesto ritiro stagionale in occasione del Gran Premio di Formula 1 degli Stati Uniti. Il monegasco ha lasciato la gara poco dopo un incidente con Romain Grosjean. L’Alfa Romeo Sauber è rimasta in pista per un’altra dozzina di giri ma alla fine, le scarse prestazioni che la monoposto ha mostrato a causa dei danni causati dall’incidente hanno spinto il giovane pilota a entrare nei box e mettere fine così alla propria gara.

Charles Leclerc commenta amaramente il suo ritiro dal Gran Premio di Formula 1 degli Stati Uniti

Il pilota di Alfa Romeo Sauber che dal prossimo anno correrà in Ferrari al posto di Kimi Raikkonen si rammarica di quello che è successo e spiega che non sa cosa sia esattamente accaduto con Romain Grosjean, poiché ha ricevuto un colpo laterale nel punto cieco dei suoi specchietti retrovisori. Il giovane pilota si sente deluso perché sentiva di avere il potenziale per disputare una buona gara e, soprattutto, accumulare più punti per Alfa Romeo Sauber nel campionato costruttori.

“Non ho visto cosa è successo, non ho ancora visto le immagini, quindi non posso dire cosa è accaduto esattamente. Romain era nel punto cieco degli specchietti retrovisori, è un peccato perché c’era un buon potenziale. Ci sono stati danni alla sinistra e non siamo stati così veloci, abbiamo provato a fare dieci giri ma eravamo troppo lenti per continuare la gara, così abbiamo deciso di togliere la mia monoposto dalla pista”, afferma Charles Leclerc.


Lascia un commento

Written by Ippolito Visconti

Ippolito per gli amici Lito, nasce a Monza la patria dei motori. Si laurea alla Bocconi in ingegneria meccanica. Appassionato di giornalismo in breve tempo scrive come Guest su noti portali Automotive Italiani ed esteri in lingua inglese. Lavora da aprile 2018 con Davinci Media dove segue accuratamente tutto il settore Automotive News. Appassionato di Motori ed in particolare di Formula 1.