in

Stellantis: nuove attività a Cento e Modena

In un incontro con le istituzioni regionali, Stellantis annuncia nuove attività presso gli stabilimenti di Cento e Modena.

Insegna Stellantis

Stellantis mette chiarezza riguardo al futuro dell’impianto di Cento, nel Modenese, e annuncia un’espansione delle attività presso la città emiliana. Durante un incontro presso l’assessorato al Lavoro regionale, il conglomerato diretto da Carlos Tavares ha informato le istituzioni territoriali dell’intenzione creare una “business unit” nella struttura ferrarese, adibita alla realizzazione di motori industriali e marini. Secondo fonti aziendali, è un ramo cresciuto esponenzialmente negli ultimi tre anni e contraddistinto da prospettive di “rilevante” ampliamento in futuro, complici le soluzioni ibride ed elettriche.

La divisione appena illustrata, avente il proposito di rafforzare ulteriormente l’impegno a Cento nell’ambito di un piano strategico, sarà operativa dalle prossime settimane e avrà un’area di Ricerca e Sviluppo all’interno, oggetto di rilevanti investimenti.

Stando alle stesse fonti, gli sforzi saranno focalizzati sulle unità di ultima generazione per l’applicazione nel contesto industriale, marino ed energetico. Si punterà, inoltre, l’attenzione sulla tecnologia dell’idrogeno. Come spiegato a più riprese dagli stessi portavoce del gruppo, fondato nel 2021 dalla fusione tra Fiat Chrysler Automobiles e PSA Groupe, l’obiettivo della neutralità carbonica sta alla base dei piani decisionali.

Stellantis: programmi formativi di riqualificazione

Stellantis

La nuova missione del centro e le prospettive di crescita saranno affrontata da programmi formativi atti a riqualificare e migliorare il know-how dei circa 800 prestatori d’opera. Si pensa a ricollocare parte della manodopera oggi addetta alla fabbricazione dei propulsori V6 diesel, in fase di graduale dismissione.

Difatti, Stellantis ha decretato nuove attività per lo stabilimento della Maserati a Modena. È prevista, infatti, l’apertura di un reparto verniciatura, denominato FuoriSerie e incentrato sulla personalizzazione della gamma del Tridente, che impiegherà dipendenti provenienti proprio da Cento.

Marchi Stellantis

Nel mentre, Stellantis ha avuto un incontro in Francia, teso a informare le organizzazioni sindacali della volontà di corrispondere allo staff transalpino un contributo “anti-inflazione” dal valore massimo di 1.400 euro. Nella fattispecie, sarà erogato un bonus una tantum e consentito al personale di convertire in un pagamento monetario tre giorni di ferie maturati con eventuali straordinari.

Circa il 60 per cento della forza lavoro avrà occasione di beneficiare del pieno sostegno, mentre il 20 per cento avrà accesso a un contributo di 1.100 euro. Invece, il 20 per cento rimanente non riceverà nulla poiché riceve retribuzioni abbastanza elevate.

Sembra che tu abbia bloccato le nostre notifiche!