in

Stellantis: buone notizie dalla Polonia

Stellantis annuncia che da lunedì 4 luglio sarà avviata la produzione nello stabilimento di Gliwice dove i lavori sono fermi da un paio di settimane

Stellantis Logo

Arrivano buone notizie dalla Polonia per il gruppo Stellantis. La fabbrica del produttore automobilistico nato dalla fusione di Fiat Chrysler Automobiles e PSA Groupe situata a Gliwice sta ponendo fine a un fermo imprevisto dovuto alla mancanza di semiconduttori. La linea di produzione dell’impianto dove vengono prodotti veicoli commerciali leggeri di vari brand facenti parte della società guidata dal CEO Carlos Tavares riprenderà dopo due settimane di stop a lavorare da giorno lunedì 4 luglio.

Stellantis annuncia che da lunedì 4 luglio sarà avviata la produzione nello stabilimento di Gliwice

Nonostante l’avvio ufficiale della fabbrica del gruppo Stellantis, previsto per aprile, non sia ancora avvenuto, la produzione è già in corso. Ad oggi, lavorando in un solo turno, lo stabilimento ha prodotto circa 6 mila auto. Il secondo turno dovrebbe iniziare ad agosto.

Secondo i piani di Stellantis la fabbrica dovrebbe produrne circa 40 mila auto all’anno. Naturalmente, tempi di inattività non pianificati, come quello attuale, causati da carenze di componenti (i semiconduttori non sono l’unico componente periodicamente mancante) possono apportare modifiche a questo piano.

La capacità produttiva dell’impianto raggiunge le 100 mila unità e si spera che in futuro ovviamente il sito possa raggiungere la sua piena capacità produttiva.

Marchi Stellantis
Stellantis: il gruppo automobilistico annuncia che da lunedì 4 luglio sarà avviata la produzione nello stabilimento di Gliwice dove i lavori sono fermi da un paio di settimane

Vedremo dunque nei prossimi giorni a proposito della fabbrica di Gliwice in Polonia quali altre novità arriveranno per il gruppo automobilistico guidato a livello globale dal CEO Carlos Tavares.

Ti potrebbe interessare: Stellantis: secondo il gruppo automobilistico il mercato crollerà se le auto elettriche non diventeranno più economiche