in

Bollo auto, non lo si pagherà più: che regalo dal Governo!

Il pagamento del bollo auto non sarà più un obbligo in alcuni casi: dal Governo arriva un bel regalo per i proprietari di vetture.

stop motori benzina e diesel Draghi

Il costo della vita è cresciuto, e anche di parecchio, negli ultimi mesi e mentre tiene banco il dibattito su salario minimo e reddito di base universale, il Governo italiano vara aiuti per permettere alle famiglie di sbarcare il lunario. Non si sguazzerà nell’oro, ma quantomeno l’esecutivo ha intenzione di dare una mano per i beni primari.

Tra gli incrementi sulle bollette, il caro carburanti, l’impennata nel genere alimentari e altro ancora sembra di vivere sempre con il fiato sospeso, titubanti sulla capacità o meno di far fronte alle spese. Le voci da esaminare sono davvero numerose e un sacco di famiglie è in seria difficoltà, al punto da lasciar temere una bomba sociale senza aiuti. Ma andiamo a vedere quali sono i cambiamenti previsti sul detestato bollo auto.

Bollo auto: quando si viene esonerati

bollo-auto-1

Nel pieno della pandemia la tassa annoverava termini relativamente comodi per il saldo, ma, purtroppo, oggi non è più così. E già a partire dal 2022 va pagata in maniera regolare l’ultimo giorno del mese successivo a quello di immatricolazione. Per esempio, nel caso di una vettura immatricolata a maggio, il bollo auto scadrà al termine di giugno.

Più il tempo passa dall’insoluto e più la sanzione aumenta, progressivamente, fino a quando, dopo tre anni dal mancato pagamento, c’è persino il ritiro delle targhe e del libretto di circolazione del mezzo. Ma il Governo pensa ad alcune vie per cosicché i conducenti non debbano sobbarcare il bollo auto, in osservanza dei termini di legge. Le possibilità sono tre e ora ve le andremo a presentare.

bollo auto storiche

Innanzitutto, ne beneficia chi compra una vettura elettrica. In tal caso, l’esecutivo mira a premiare la virtuosa scelta di non inquinare. Pertanto, l’EV beneficia di un azzeramento del bollo da far durare 5 anni o addirittura in eterno. Ciò non dipende dallo Stato, bensì dalla Regione, perciò vi raccomandiamo di recuperare le informazioni sui canali ufficiali di quella in cui risiedete.

È altresì esonerato dal bollo auto il proprietario di un’auto d’epoca, purché iscritto negli appositi registri. Infine, il trattamento favorevole vige qualora la vettura sia adibita al trasporto di persone con disabilità (legge 104).