in

Cassino, nuova gigafactory: produrrà batterie al litio

Ottima notizia per lo stabilimento Stellantis di Cassino: a Piedimonte San Germano nascerà una gigafactory per le batterie al litio.

Alfa Romeo - Cassino
Alfa Romeo - Cassino

A Cassino sorgerà una giga factory e già arrivano i complimenti da parte delle istituzioni. In una nota, il Presidente della Regione Lazio, Nicola Zingaretti, ha accolto con parole molte positive la nascita di un centro di produzione nazionale nel frusinate. Si tratta di un’ottima notizia per l’intero territorio. Progetti che, sotto forma di amministrazione, hanno voluto sostenere e andranno avanti a farlo: innovativi, sostenibili, di ampia visione. Coinvolgono diversi attori del Lazio, ma soprattutto creano nuova occupazione e generano sviluppo e crescita economica, in un’area dove se ne avverte il bisogno.

Cassino, nasce una nuova gigafactory a Piedimonte San Germano: produrrà batterie al litio

alfa romeo cassino

Il settore della mobilità sostenibile costituisce il futuro dell’automotive e avere un centro di produzione di batterie al litio a Cassino – ha aggiunto Zingaretti – significa essere coinvolti in prima persona nel processo di cambiamento di un segmento chiave. Il nuovo ente industriale concederà l’opportunità di attrarre ulteriori investimenti, rendendo il territorio sempre più competitivo, pure a livello internazionale, ha concluso il governatore.

Nel frattempo, presso lo stabilimento di Piedimonte San Germano oggi hanno prestato servizio soltanto gli addetti al montaggio: il bilanciamento del flusso produttivo ha comportato il fermo di lastratura e verniciatura.

Cassino Plant
Cassino Plant; immagine da video

Il centro di produzione industriale di batterie al litio per la mobilità sostenibile, che coinvolge la Power4Future di Fincantieri, ha visto la luce nella mattinata di ieri. La riunione ha avuto luogo nella sede di Cassino e ha visto l’approvazione della libera con cui si è dato il nulla osta all’accordo di compravendita del centro di logistica e flessibilità a favore della Power4Future. Avviata circa 10 mesi fa dal Cosilam (oggi Consorzio Industriale del Lazio), l’operazione è stata curata nei minimi particolari e prevede una serie di investimenti lungo il territorio.

Tra i diversi punti definiti anche la stipula di una convenzione quadro con l’università locale per l’attivazione di procedure per il finanziamento o co-finanziamento di attività. Si assumeranno almeno 45 unità di personale, consolideranno i rapporti con le scuole della zona e presenterà un piano di investimenti per un valore globale pari ad almeno 20 milioni di euro.