in

Harvey Weinstein fa causa a Stellantis per un incidente con una Jeep

Harvey Weinstein ha citato in giudizio Fiat Chrysler USA per un presunto incidente con una Jeep Wrangler che lo avrebbe reso invalido

Harvey Weinstein

L’ex produttore cinematografico di Hollywood Harvey Weinstein, ora in carcere dopo essere stato condannato per reati sessuali, ha citato in giudizio Fiat Chrysler USA, divisione americana del gruppo Stellantis, per un incidente del 2019 in cui si è ribaltato con una Jeep Wrangler mentre cercava di evitare un cervo.

Harvey Weinstein ha citato in giudizio Fiat Chrysler USA

Harvey Weinstein incolpa Stellantis di essere costretto ad utilizzare un deambulatore negli ultimi anni secondo una causa che incolpa l’azienda per un sistema di frenata scadente. Il produttore cinematografico caduto in disgrazia ha intentato questa causa contro la casa automobilistica, sostenendo che nell’agosto 2019 è stato coinvolto in un brutto incidente vicino a Bedford, New York, mentre guidava una Jeep che secondo quanto racconta l’ex produttore, la società gli avrebbe fornito in modo che potesse fare un’apparizione in uno dei suoi film a cui stava lavorando in quel momento.

Weinstein dice che stava guidando la Jeep quando ha dovuto sterzare per evitare di colpire un cervo sulla strada. L’uomo afferma che per evitare il cervo, l’impianto frenante si è guastato e ha mandato in tilt l’auto. Il produttore dice che indossava la cintura di sicurezza, ma ha comunque subito gravi ferite e sarebbe rimasto “paralizzato” a causa dell’incidente.

Stellantis logo
Harvey Weinstein ha citato in giudizio Fiat Chrysler USA per un presunto incidente con una Jeep Wrangler che lo avrebbe reso invalido

Weinstein è stato accusato di mostrarsi malato e fragile solo in favore di telecamere, ma secondo questa causa il motivo dei suoi problemi di salute in realtà sarebbe proprio questo incidente per il quale sta chiedendo a Stellantis 5 milioni di dollari. Vedremo cosa ne penseranno i giudici.

Ti potrebbe interessare: Stellantis: gli USA chiedono al Messico di esaminare possibili violazioni dei diritti dei lavoratori in uno stabilimento