in

Stellantis offre ad alcuni lavoratori serbi due anni all’estero o il licenziamento

Stellantis offre ad alcuni suoi dipendenti dello stabilimento serbo di Kragujevac di lavorare per due anni all’estero oppure in alternativa il licenziamento

Fiat Kragujevac
Fiat Kragujevac

Stellantis ha offerto ad alcuni lavoratori del suo stabilimento in Serbia la scelta tra trasferirsi all’estero per due anni per riqualificarsi nella produzione di auto elettriche, oppure dire addio all’azienda. L’azienda non ha detto quanti dei 2.000 lavoratori dello stabilimento di Kragujevac dovranno fare questa scelta. La notizia era già stata anticipata nelle scorse settimane da alcune indiscrezioni provenienti dal mondo sindacale.

Stellantis offre due anni all’estero o il licenziamento ad alcuni dipendenti di Kragujevac

Il mese scorso, la Serbia e Stellantis hanno firmato un accordo da 190 milioni di euro  per la produzione di un veicolo elettrico a Kragujevac. La Serbia sta investendo 48 milioni di euro nel piano. In una dichiarazione rilasciata in serbo, Stellantis ha affermato che, nell’ambito della preparazione per iniziare la produzione nel 2024, ad alcuni dipendenti verrà offerto un lavoro in uno dei suoi stabilimenti europei che sta trasferendo la produzione su veicoli elettrici, o in caso di rifiuto il licenziamento.

“I primi risultati sono incoraggianti, durante la prima settimana ben il 25% dei dipendenti ha espresso disponibilità a lavorare all’estero e più di 100 colleghi hanno accettato di lavorare in altri stabilimenti Stellantis in Europa”, si legge nella nota. “Nei prossimi giorni verranno condotti colloqui individuali”.

Stellantis
Stellantis offre ad alcuni suoi dipendenti dello stabilimento serbo di Kragujevac di lavorare per due anni all’estero oppure in alternativa il licenziamento

Sasa Djordjevic, capo del sindacato dello stabilimento, ha affermato che è sbagliato costringere i lavoratori a scegliere tra lavorare all’estero e lasciare l’azienda. “La Serbia ha detto che parteciperà all’investimento con 48 milioni di euro e non è giusto usare quei soldi per licenziare i suoi cittadini o spostarli all’estero”, ha detto. Djordjevic ha affermato che qualsiasi trasferimento dovrebbe essere effettuato su base volontaria e sulla base delle leggi serbe. Ricordiamo che in Serbia secondo indiscrezioni dovrebbe venire prodotta la nuova Fiat Panda.

Ti potrebbe interessare: Stellantis: presentati due progetti in Spagna per i programmi del Governo