in

Riforma fiscale auto? C’è solo un ordine del giorno

Nessun disegno legge né bozza di decreto: solo un ordine del giorno sulla riforma fiscale auto. A favore delle vetture aziendali

Cautela con quanto leggete online sulla riforma fiscale auto. Non è vero che ci sarà. In realtà, esiste solo un ordine del giorno. Nessun disegno legge né bozza di decreto. Il Governo si impegna a valutare la possibilità di allineare la percentuale di detraibilità dell’IVA e della deducibilità dei costo delle auto aziendali ai livelli europei. Al fine di incentivare e sostenere le partite IVA che utilizzano le auto ai fini lavorativi. E per incentivare le aziende che usufruiscono delle flotte aziendali fortemente colpite dall’emergenza Covid.

Intenti lodevoli. Ma è solo un ordine del giorno, un impegno generico. Si vedrà. Se il Governo si occupa di un aspetto, poi la strada è lunghissima. Serve un eventuale disegno legge. O una bozza di decreto. C’è la discussione politica, e quindi alla fine si capisce dove si va a parare.

Giustamente, l’obiettivo a più riprese evidenziato dall’Aniasa autonoleggio è annullare definitivamente il regime di proroga praticato da oltre 30 anni rispetto alle Direttive europee. Che consentono la detraibilità totale dell’IVA e la deducibilità del costo di acquisto e di gestione dell’auto aziendale.

Riforma fiscale auto 2

Riforma fiscale auto: per eliminare le disparità

C’è un disallineamento. Che diventa una minor competitività specialmente per l’export. I numeri. Su una vettura aziendale media (valore 30.000 euro) il totale di detrazioni e deduzioni fiscali in Italia ammonta a 5.778 euro: meno di un quinto di quanto riescono a scaricare le aziende tedesche e spagnole. E un quarto di Francia e Gran Bretagna.

Il recupero di questo gap, che supera il 400%, permetterebbe una maggiore diffusione dell’auto aziendale, che con il suo più rapido turn-over contribuirebbe a ridurre l’età media del parco circolante. A favore delle auto elettriche. E a bassissimo impatto ambientale.

Infatti, proprio l’elettrico e l’ibrido plug-in prende piede nelle flotte aziendali. Che possono anche essere una sorta di laboratorio dove sperimentare queste tipologie di macchine.

Siamo tutti d’accordo. Ora la parola passa al Governo.

Looks like you have blocked notifications!

Lascia un commento