in

Stellantis Vesoul: lavoratori italiani confermati almeno fino a marzo

Stellantis a Vesoul prolungato fino a fine marzo il contratto dei dipendenti italiani che a fine ottobre erano arrivati da Pomigliano

Alla fine dello scorso mese di ottobre aveva creato molto scalpore l’arrivo dall’Italia di 230 dipendenti per lo stabilimento francese di Stellantis a Vesoul. Si trattava in gran parte di dipendenti provenienti dal sito produttivo Stellantis di Pomigliano per dare man forte alla fabbrica francese che a differenza di quella italiana aveva bisogno di più dipendenti per soddisfare la domanda.

Stellantis: lavoratori italiani confermati a Vesoul almeno fino a fine marzo

Oggi è arrivata la notizia che il contratto di questi 230 dipendenti italiani con lo stabilimento Stellantis di Vesoul è stato prorogato fino a marzo del 2022 e non si esclude che in futuro possa essere allungato ulteriormente. Originariamente i loro contratti erano in scadenza a fine dicembre ma a quanto pare la direzione della fabbrica ha deciso di estendere ancora la loro permanenza nella struttura transalpina.

In questo momento i dipendenti sono tornati in Italia per i festeggiamenti di fine anno. E, all’interno della fabbrica, la pressione sembra essersi allentata. “Si sono integrati bene. I nostri dipendenti sono riusciti ad aiutarli a migliorare le proprie competenze. Tutte le preoccupazioni sono state risolte. Tutto è tornato alla normalità “, afferma Jean-Paul Guy, delegato CFTC.

Stellantis investimenti Brasile
Stellantis a Vesoul prolungato fino a fine marzo il contratto dei dipendenti italiani che a fine ottobre erano arrivati da Pomigliano

Nel sito di Vesoul il contesto sociale si era deteriorato a seguito dell’esplosione degli straordinari, diventati obbligatori. La situazione però era migliorata con l’arrivo di questi dipendenti italiani e di circa 180 lavoratori interinali il cui contratto inizialmente previsto fino a fine dicembre dovrebbe venire ulteriormente allungato.

Ricordiamo che nello stabilimento Stellantis di Vesoul  vengono prodotti i pezzi di ricambio di numerosi modelli di marchi facenti parte del gruppo automobilistico che vengono poi distribuiti a livello globale. Dunque si tratta di uno stabilimento fondamentale per il produttore automobilistico guidato da Carlos Tavares e nato dalla fusione di Fiat Chrysler Automobiles e PSA Groupe.

Ti potrebbe interessare: Stellantis: il gruppo automobilistico vuole diventare un’azienda tecnologica incentrata sulla mobilità

Looks like you have blocked notifications!

Lascia un commento