in

Volkswagen e Stellantis diventano aziende tecnologiche?

Volkswagen e Stellantis si stanno trasformando in aziende tecnologiche: ecco i motivi che sono alla base di questa scelta

Gli annunci fatti negli ultimi mesi da alcune importanti case automobilistiche hanno sorpreso molto. Ci riferiamo in particolare a Volkswagen e Stellantis che senza mezzi termini hanno detto di volersi trasformare in vere e proprie aziende tecnologiche. In tanti si domandano il motivo di tutto ciò. Dobbiamo precisare che in realtà, il trend delle case automobilistiche non è un cambio di rotta, ma un’espansione del business che secondo gli esperti le renderà ancora più redditizie.

Ecco perchè Volkswagen e Stellantis si stanno trasformando in aziende tecnologiche

Il piano di Volkswagen di fare affari con la sua tecnologia precede quello di Stellantis, che come sappiamo è fresco di pochi giorni essendo stato annunciato in occasione del software day del 7 dicembre scorso. Il gruppo tedesco è stato uno dei primi a sviluppare una piattaforma esclusiva e modulare per veicoli elettrici e ad annunciare che è disponibile a metterla al servizio di altri produttori a pagamento, ovviamente.

Per quanto riguarda Stellantis, pochi giorni fa il gruppo automobilistico guidato da Carlos Tavares ha reso pubbliche le sue previsioni. L’azienda nata dalla fusione di Fiat Chrysler e PSA stima che dalla vendita di prodotti e abbonamenti abilitati da software potrebbe guadagnare circa 4 miliardi di euro l’anno entro il 2026 e circa 20 miliardi di euro entro il 2030.

Stellantis Marchi e Notizia
Volkswagen e Stellantis si stanno trasformando in aziende tecnologiche: ecco i motivi che sono alla base di questa scelta

Questo dovrebbe essere solo l’inizio per il settore automobilistico. Infatti molte altre aziende sono pronte nei prossimi anni a fare annunci simili a quelli di Volkswagen e Stellantis. Con il calo delle vendite di auto e altre opzioni di mobilità, come la sottoscrizione, i produttori stanno iniziando a valutare nuove forme di business.

Entro il 2030 ci saranno circa 34 milioni di auto connesse e “monetizzabili” e la maggior parte di tutti i nuovi veicoli saranno aggiornabili da remoto “over-the-air” entro il 2024. Inoltre, i produttori stanno esplorando come fare affari con i dati ottenuti dal sistemi di connettività, un’altra torta che pochi vogliono smettere di provare.

Si tratta ormai di un qualcosa di inevitabile e che cambierà per sempre il settore automobilistico. I produttori lo sanno e non vogliono farsi cogliere impreparati. Specialmente chi come Volkswagen e Stellantis puntano ad essere leader del settore anche dopo che questa fase di transizione sarà ultimata.

Ti potrebbe interessare: Auto, vendite Europa: il gruppo Stellantis sopra Volkswagen, ecco perché

 

Looks like you have blocked notifications!