in

Stellantis: respinta la causa di GM contro FCA

Stellantis: un giudice della Wayne County Circuit Court ha respinto una delle cause legali della General Motors contro Fiat Chrysler

Stellantis

Un giudice della Wayne County Circuit Court ha respinto una delle cause legali della General Motors contro Fiat Chrysler Automobiles, ora Stellantis, relativa allo scandalo di corruzione che coinvolge ex dirigenti automobilistici ed ex funzionari della United Auto Workers. Un altro caso rimane pendente dinanzi alla Corte d’Appello del 6° Circuito degli Stati Uniti. Non è chiaro quando una decisione potrebbe arrivare lì.

GM ha affermato che FCA, sotto il compianto Sergio Marchionne, che era allora amministratore delegato, ha sviluppato uno schema di corruzione per danneggiare GM e forzare una fusione tra le società che alla fine non è avvenuta. La società lo aveva fatto aumentando i costi del lavoro per GM come parte della contrattazione contrattuale, secondo la denuncia di GM.

Ma il giudice David Allen, nella sua decisione venerdì nella corte di Detroit, ha scritto che “questa corte ritiene che le affermazioni di GM falliscono come questione di diritto” nel concedere mozioni di disposizione sommaria da FCA e due dei suoi ex dirigenti, Alphons Iacobelli e Jerome Durden. Iacobelli era una volta il negoziatore principale del lavoro per FCA che in seguito è stato assunto da GM, Durden era un analista finanziario.

Entrambi gli uomini erano tra le 15 persone accusate in relazione all’indagine federale che ha scoperto milioni di dollari sottratti alla formazione dei lavoratori per pagare tutto, dai pasti abbondanti e alcol a un mutuo.

Due ex presidenti della UAW, Gary Jones e Dennis Williams, sono stati condannati per lo scandalo e FCA è stata condannata a pagare $ 30 milioni e a sottoporsi a un monitoraggio della conformità per il suo ruolo.

FCA, che è diventata Stellantis all’inizio di quest’anno dopo una fusione con il gruppo PSA, produttore di Peugeot, ha costantemente respinto le affermazioni di GM, tra cui le accuse secondo cui l’ex vicepresidente della UAW Joe Ashton agiva come talpa pagata quando era nel consiglio di amministrazione di GM. Ashton è stato anche condannato nello scandalo.

“Come abbiamo detto dalla data in cui la causa originale è stata presentata, è infondata. I tribunali hanno ancora una volta accettato e respinto la denuncia di GM. Continueremo a difenderci con vigore e perseguire tutti i rimedi disponibili in risposta a questa causa infondata”, ha affermato Stellantis. GM, in una dichiarazione inviata dal portavoce della società David Barnas, ha affermato che “Siamo rispettosamente in disaccordo con la sentenza e stiamo considerando le nostre opzioni legali”.

Ti potrebbe interessare: Stellantis: lancia un ultimatum a 1.100 dipendenti a Belvidere

Looks like you have blocked notifications!

Lascia un commento