in

Stellantis: aria di sommossa tra i concessionari in Francia

I concessionari di Stellantis in Francia sono sul piede di guerra e nel corso di una prossima riunione sono intenzionati a esprimere i loro disagi

Stellantis

Il gruppo di concessionari FCA in Francia intende sfidare Guillaume Couzy (Stellantis) all’assemblea generale prevista per il 5 e 6 ottobre 2021 per richiedere la cancellazione di uno specifico documento inviato alla rete dal gruppo italiano, ritenuto pericoloso sul piano finanziario e fiscale. I distributori della rete FCA si incontreranno il 5 e 6 ottobre 2021 per un’assemblea generale che si terrà a Enghien-les-Bains. Nella riunione dovrebbero venire affrontati alcuni temi delicati che verranno messi sul tavolo dal gruppo presieduto da Christophe Rouyer.

La prima, non nuova, riguarda i risultati. Non erano fiorenti all’inizio dell’anno e non sono migliorati negli ultimi mesi. A fine giugno il gestore ha riportato una redditività media dello 0,2% e prevede per la rete un esercizio 2021 negativo. “I nostri obiettivi sono sempre modellati su un mercato francese con 2 milioni di auto nuove. Dall’inizio dell’anno sono irraggiungibili. Ad oggi, in media, la rete ha raggiunto appena il 70% dei suoi obiettivi, di conseguenza i conti operativi a fine settembre non sono buoni”, informa Christophe Rouyer. Nonostante il miglioramento del marchio Jeep (+106,5 a fine giugno), la rete FCA ha risentito del calo dei volumi complessivi dal 2018.

“Abbiamo perso il 50% del nostro volume di vendite. Da un lato non stiamo coprendo le nostre spese generali, dall’altro abbiamo registrato un calo delle presenze in officina per sei mesi, stiamo vendendo meno pezzi e la situazione non migliorerà l’anno prossimo”. Secondo il presidente del gruppo, a seguito della risoluzione dei contratti da parte di Stellantis lo scorso luglio, è stato rinnovato il 99% della rete di Fca, «a determinate condizioni per determinati distributori, finanziari o organizzativi. Ma non è successo nulla di straordinario “, spiega. Il problema è altrove.

Il gruppo approfitterà di questa assemblea generale per sfidare Guillaume Couzy, CEO di Stellantis France, su una “pratica in vigore nella rete ex-FCA” che il suo presidente considera “di un’altra epoca ed estremamente pericolosa” .

“Da tempo ci obbligano a firmare questo documento senza prenotazione per tutti i veicoli in ordine, siano essi fuori linea, in transito o in flotta, senza tenere conto delle nostre note che chiedono di limitare il numero di veicoli fatturati. Le conseguenze sarebbero significative. Riguardano anche gli audit, con veicoli per i quali non vengono rispettate le scadenze tra fatturazione a clienti finali/CCF/immatricolazioni. Le conseguenze sono anche fiscali, perché ci è vietato recuperare l’IVA sui veicoli non fisicamente presenti in concessionaria.”

“ Alcuni di noi sono stati corretti dall’amministrazione su questo argomento. Inoltre la “Bill Hold Letter” prevede il trasferimento al concessionario dei rischi e dei costi relativi ai veicoli, dalla data della loro fattura fino alla loro consegna al concessionario. Tuttavia le nostre polizze assicurative non prevedono questa copertura e i nostri assicuratori confermano che tali rischi sono a carico delle garanzie assicurative del gruppo FCA/Stellantis per i veicoli della flotta, quindi quelle del trasportatore”.

“La situazione è diventata insostenibile, abbiamo troppi riscontri da parte di distributori che non vogliono più firmare questo tipo di documento. Per poter immatricolare un veicolo e poterlo poi consegnare al cliente, dobbiamo pagarlo in anticipo al produttore. Questo ci mette in una situazione di cassa difficile perché dobbiamo pagare in anticipo le auto che consegneremo settimane dopo”.

FCA
FCA

Ti potrebbe interessare: Stellantis, mancano i chip? E allora si accelera sull’elettrificazione

Sembra che tu abbia bloccato le nostre notifiche!

Lascia un commento