in

Stellantis: pesanti critiche dalla Germania

Il primo ministro berlinese della Turingia Bodo Ramelow ha criticato aspramente il gruppo Stellantis per lo stop fino al 2022 del sito Opel

Stellantis

Il primo ministro berlinese della Turingia Bodo Ramelow ha criticato aspramente il gruppo Stellantis a causa del lungo stop di diversi mesi nello stabilimento di Eisenach annunciato nelle scorse ore dal gruppo automobilistico guidato da Carlos Tavares. La società sta risolvendo i suoi problemi a spese dei contribuenti, ha detto Ramelow alla stampa tedesca venerdì. Il politico ritiene che sia ridicolo da parte di Stellantis dire che ha superato bene la crisi se poi ciò avviene a spese dei lavoratori e dei contribuenti.

Stellantis ha deciso di chiudere lo stabilimento Opel in Turingia a causa della crisi dei chip almeno fino alla fine dell’anno. Un portavoce di Opel non ha menzionato una data specifica per un riavvio. La produzione dovrebbe ripartire all’inizio del 2022, sempre che la situazione della filiera lo consenta.

Per i dipendenti è previsto il lavoro a orario ridotto. Nel frattempo, parte della produzione sarà temporaneamente esternalizzata allo stabilimento di Sochaux in Francia. Opel produce a Eisenach il SUV Opel Grandland nella versione con motore a combustione e ibrida. Lo stabilimento in Turingia impiega attualmente circa 1.300 persone.

La crisi dei chip sta preoccupando molto l’industria automobilistica in tutto il mondo dall’inizio dell’anno e molti produttori tra cui anche Audi a Volkswagen hanno dovuto registrare il lavoro a orario ridotto. Tuttavia, è insolito che la produzione venga sospesa totalmente per un quarto d’anno. La maggior parte delle altre case automobilistiche cerca di mantenere in funzione almeno le singole linee. Vedremo dunque come Stellantis risponderà a queste critiche e quali saranno le novità che arriveranno dalla Germania a proposito del gruppo nato dalla fusione di Fiat Chrysler Automobiles e PSA.

Ti potrebbe interessare: Stellantis: campus a emissioni zero di CO2 a Rüsselsheim

stellantis-vendite-europa
Il primo ministro berlinese della Turingia Bodo Ramelow ha criticato aspramente il gruppo Stellantis a causa dello stop di mesi nello stabilimento di Eisenach

Ti potrebbe interessare: Stellantis: Regione e sindacati uniti per la VM motori di Cento

Lascia un commento