in

FCA: il giudice nega la richiesta di risarcimento ai dipendenti

Niente risarcimento per i dipendenti di FCA che in USA chiedevano i danni per lo scandalo corruzione

FCA
FCA

Gli avvocati di Stellantis hanno bloccato la richiesta dei dipendenti di Fiat Chrysler Automobiles per riscuotere un risarcimento per essere stati gestiti male dalla United Auto Workers. I 238 dipendenti hanno sostenuto che le violazioni del Taft-Hartley Act da parte di FCA, che includevano il pagamento di 3,5 milioni di dollari in pagamenti illeciti a funzionari corrotti della UAW, li hanno resi idonei al risarcimento.

FCA: niente risarcimento per i dipendenti in USA

A marzo, Stellantis si è dichiarata colpevole  di un’accusa di cospirazione per aver violato la legge federale sul lavoro e ha accettato di pagare una multa di 30 milioni di dollari e la nomina di un monitor indipendente per verificare se la società stesse seguendo la legge federale nei suoi rapporti con l’UAW per risolvere un causa federale intentata dal Dipartimento di Giustizia degli Stati Uniti. La causa sostiene che i dirigenti di FCA abbiano violato consapevolmente la legge federale autorizzando la corruzione tra il 2009 e il 2016. 

Tre dirigenti di Fiat Chrysler Automobiles si sono dichiarati colpevoli di accuse penali per la loro parte nella cospirazione e tutti e tre sono stati condannati al carcere. Il giudice Paul Borman, il giudice federale che ha presieduto molti dei casi avviati dai pubblici ministeri che indagano sulla UAW, ha stabilito che i dipendenti della FCA non avevano diritto al risarcimento secondo Taft-Hartley o agli statuti che autorizzavano i pagamenti alle vittime di crimini federali.

La Taft-Hartley richiede specificamente ai singoli dipendenti di produrre prove concrete del comportamento illecito dei datori di lavoro e dei funzionari sindacali corrotti che li hanno danneggiati. I 238 dipendenti che chiedono un risarcimento individuale ai sensi della legge federale hanno affermato che le loro rimostranze individuali sono state gestite male dall’UAW.

A suo parere, tuttavia, Borman ha affermato che gli investigatori federali hanno diligentemente cercato prove che collegassero i funzionari sindacali corrotti a rimostranze specifiche, ma non ne hanno trovate.  Nancy Johnson, uno dei 12 funzionari della UAW condannati  per corruzione nell’indagine federale di FCA e UAW, ha riconosciuto durante l’indagine che era possibile che le rimostranze fossero state accantonate, ma non ha potuto offrire alcuna informazione sui casi che coinvolgono specifici membri del sindacato.

Looks like you have blocked notifications!

Clubalfa.it è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato sulle nostre notizie SEGUICI QUI