in

Stellantis ha 5 anni per evitare di tagliare posti di lavoro

Carlos Tavares ha detto che Stellantis ha 5 anni di tempo per ridurre del 40% i costi delle auto elettriche ed evitare tagli di posti di lavoro

Carlos Tavares
Carlos Tavares

Stellantis ha cinque anni per assorbire l’aumento di circa il 40% dei costi che i veicoli elettrificati rappresentano prima di dover affrontare ristrutturazioni e tagli di posti di lavoro, ha dichiarato mercoledì il CEO Carlos Tavares.

Tavares ed esperti hanno affermato che non tutte le case automobilistiche saranno in grado di effettuare la storica trasformazione in veicoli elettrici sotto la pressione delle normative governative in un mercato competitivo. Ciò richiede miliardi di dollari in investimenti di capitale e nuovi talenti: Stellantis ha detto all’inizio di questo mese che spenderà circa 35,5 miliardi di dollari entro il 2025 per l’elettrificazione.

“Abbiamo l’opportunità di creare in Stellantis una quantità significativa di sinergie, che è il miglior motore per generare la produttività di cui abbiamo bisogno per compensare il 40% dei costi aggiuntivi derivanti dall’elettrificazione”, ha detto Tavares. “Siamo stati fortunati a creare Stellantis in questo preciso momento in cui stiamo affrontando questa sfida.

“Mantenere le nostre due società in una posizione autonoma era estremamente rischioso date le sfide che ci attendevano. Questo è esattamente il motivo per cui abbiamo creato Stellantis”. Ha aggiunto che la società sta cercando di rinnovare gli impianti che producono motori e trasmissioni per parti di veicoli elettrici. Ad esempio, prevede di trasformare uno stabilimento motori a Termoli, in Italia, per produrre batterie per veicoli elettrici.

“Ci stiamo muovendo molto velocemente”, ha detto Tavares. “Siamo fortunati di avere un flusso dal basso verso l’alto dai nostri team che ci stanno proponendo molte più idee di quelle che i team interaziendali che si sono occupati della fusione sono stati in grado di immaginare”.

Naturalmente, Stellantis deve produrre veicoli per raggiungere questi obiettivi o almeno dare la priorità ai suoi SUV e pickup più redditizi. Questa è diventata una sfida a causa della carenza globale di semiconduttori derivante dalla pandemia di COVID-19 che ha recentemente sospeso la produzione di Ram 1500 a Sterling Heights e Jeep Grand Cherokees a Detroit.

“Penso che la crisi dei semiconduttori da tutto ciò che posso vedere, e non riesco a vedere tutto, guiderà facilmente nel 2022”, ha detto Tavares. “La visibilità non è eccezionale e non siamo ottimisti su questo”. L’azienda sta lavorando alla modificabilità dei microchip utilizzati nell’elettronica di consumo, inclusi l’infotainment dei veicoli, le funzioni di assistenza alla guida, i sedili riscaldati e altro ancora. Le nuove generazioni spesso hanno una capacità maggiore, ma questo processo può richiedere 18 mesi per essere riprogettato, ha detto Tavares.

Il vincolo di fornitura ha ridotto i livelli di inventario presso i rivenditori in tutto il paese e in tutto il mondo. I prezzi medi delle transazioni a giugno erano superiori a $ 42.000, secondo Kelley Blue Book. Tavares dice che sta anche osservando l’inflazione, che vede quotidianamente sulle materie prime e su altri prezzi. Gli economisti gli dicono che l’inflazione non è ancora strutturale e colpisce la grande economia. Tavares afferma che è importante proteggere la capacità della classe media di acquistare nuovi veicoli, compresi i veicoli elettrici.

Tavares ha anche anticipato una serie di nuove partnership e annunci strategici che dovrebbero arrivare entro la fine dell’anno. Ciò include il suo partner nella produzione di batterie per veicoli elettrici negli Stati Uniti e forse in Canada. In Cina, ha anche firmato un accordo con un partner anonimo per la produzione di veicoli. Martedì Stellantis ha anche convalidato un investimento per le batterie a stato solido, che si dice arriveranno sul mercato nel 2026, con un fornitore anonimo.

Looks like you have blocked notifications!

Clubalfa.it è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato sulle nostre notizie SEGUICI QUI