in

Stellantis: ecco cosa ha promesso il segretario al Commercio USA

Stellantis: Il segretario al Commercio USA Gina Raimondo ha detto che gli Stati Uniti potrebbero contribuire a rafforzare la trasparenza nel mercato dei chip

Stellantis
Stellantis

Il segretario al Commercio USA Gina Raimondo ha detto giovedì di aver tenuto riunioni con tre dozzine di senior leader del settore su una carenza di chip semiconduttori e ha detto che gli Stati Uniti potrebbero contribuire a rafforzare la trasparenza nel mercato. La riunione ha incluso General Motors, Ford Motor, Stellantis, fornitori di chip e altri utenti di chip.

Raimondo e l’amministrazione Biden utilizzeranno 50 miliardi di dollari di spesa del governo degli Stati Uniti per aumentare drasticamente la produzione e la ricerca di semiconduttori negli Stati Uniti, ma ci vorrà molto tempo per quella spesa – se approvata dal Congresso – per aumentare l’offerta. Alla domanda se ci fosse qualche azione che l’amministrazione Biden potrebbe intraprendere per affrontare i problemi di produzione automobilistica a breve termine, Raimondo ha suggerito che potrebbe aiutare con le previsioni della domanda e affrontare una “mancanza di trasparenza” intorno al mercato dei chip e alle varie esigenze del settore.

“Stiamo pensando a modi in cui potremmo essere in grado di aiutare con una maggiore condivisione delle informazioni tra fornitori e consumatori”, ha detto Raimondo. “Può darsi che il governo abbia un ruolo da svolgere, nell’incoraggiare l’industria a farlo o nell’aiutare in qualche modo ad aumentare la trasparenza e la condivisione delle informazioni”.

La carenza globale di chip semiconduttori costerà alle case automobilistiche $ 110 miliardi di mancate entrate quest’anno, rispetto a una stima precedente di $ 61 miliardi, ha affermato la società di consulenza AlixPartners la scorsa settimana, poiché prevede che la crisi colpirà la produzione di 3,9 milioni di veicoli.

Il mese scorso, Ford ha avvertito che la carenza di chip potrebbe dimezzare la produzione del secondo trimestre, costandola circa $ 2,5 miliardi e circa 1,1 milioni di unità di produzione persa nel 2021. GM ha esteso i fermi di produzione in diversi stabilimenti nordamericani a causa della carenza. Entrambi continuano ad annunciare nuovi tagli alla produzione.

Reuters ha riferito il 5 maggio che l’amministrazione Biden aveva preoccupazioni sull’invocazione del Defense Production Act, una legge del 1950 che consente al governo di costringere le aziende a produrre materiali per motivi di sicurezza nazionale, citando un funzionario che ha affermato che la riallocazione dei semiconduttori alle case automobilistiche “comporterebbe un minor numero di chip. per gli altri.”

Alla domanda giovedì se l’amministrazione avesse escluso quell’approccio, Raimondo ha detto che “è una sfida perché la carenza sta interessando una grande varietà di industrie”, non solo le automobili ma anche le società di elettronica, tecnologia e dispositivi medici.

“Vogliamo fare tutto il possibile, ma penso che sia una sfida”, ha aggiunto Raimondo. Per Stellantis e le altre case automobilistiche americane si tratta di un problema molto complesso che rischia di fermare completamente le loro fabbriche nei prossimi mesi.

Ti potrebbe interessare: Stellantis continua a crescere in Europa e si avvicina a Volkswagen

Looks like you have blocked notifications!

Clubalfa.it è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato sulle nostre notizie SEGUICI QUI

Lascia un commento