in

Tavares è preoccupato dalla crisi dei chip

Preoccupa la crisi dei microchip e anche il numero uno di Stellantis, l’amministratore delegato Carlos Tavares ammette che il problema è grave

Carlos Tavares
Carlos Tavares

Una crisi globale nella fornitura di microchip sta colpendo l’industria automobilistica “duramente”, ha detto mercoledì il CEO di Stellantis Carlos Tavares e le case automobilistiche dovrebbero ripensare completamente le catene di fornitura dei semiconduttori. Le case automobilistiche di tutto il mondo hanno dovuto frenare la produzione a causa della carenza di chip utilizzati in tutto, dalla gestione computerizzata dei motori ai sistemi di assistenza alla guida, che sta ostacolando il loro recupero dalla pandemia.

Il CEO di Stellantis Carlos Tavares si è detto molto preoccupato dalla crisi dei semiconduttori

“Più a lungo durerà la crisi dei chip, più difficile sarà sostenere l’attuale modello di business dell’industria automobilistica”, ha detto il capo di Stellantis Carlos Tavares in una conferenza web del Financial Times. Stellantis, il quarto più grande produttore di auto al mondo, la settimana scorsa ha detto che la carenza di chip dovrebbe migliorare nella seconda metà di quest’anno, ma ha detto che le interruzioni del settore auto potrebbero durare fino al 2022.

Tavares ha detto mercoledì che l’industria stava anche affrontando un problema di inflazione delle materie prime e la soluzione era aumentare l’uso di materie prime rinnovabili. Ha anche affermato che la sfida per l’industria è render la mobilità verde “accessibile”, osservando che il passaggio ai veicoli elettrici è stata una decisione dall’alto verso il basso imposta con “brutalità” dai governi e non decisa dalle case automobilistiche.

“Se offri una mobilità pulita a un prezzo accessibile solo ai clienti ricchi, non avrai un impatto significativo sulle emissioni di carbonio”, ha affermato. “È difficile vendere un’auto elettrica a batteria da 30.000 euro quando le persone possono acquistare il corrispondente modello tradizionale a metà prezzo”.

Stellantis è stata costituita all’inizio di quest’anno dalla fusione di Fiat Chrysler e del produttore di Peugeot PSA, con 14 marchi sotto il suo tetto, inclusi i marchi premium Alfa Romeo, Lancia e DS e Maserati di lusso. Tavares ha detto che il gruppo aveva spazio per tutti e tre i marchi premium. “Sono perfettamente complementari”, ha detto. “Non credo che la guida autonoma prenderà mai il sopravvento completamente, ci sarà sempre spazio per il piacere di guidare”.

Sembra che tu abbia bloccato le nostre notifiche!

Clubalfa.it è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato sulle nostre notizie SEGUICI QUI

Lascia un commento