in

Stellantis Windsor: lo stop si prolunga ancora

Si allungano i tempi di stop dello stabilimento Stellantis di Windsor. L’impianto starà fermo almeno fino al 17 maggio

Stellantis Windsor
Stellantis Windsor

Stellantis sta estendendo i tempi di fermo di un’altra settimana nel suo impianto di minivan Chrysler a Windsor, Ontario, ha confermato la casa automobilistica martedì. L’impianto, che ospita Chrysler Pacifica e Voyager, resterà inattivo almeno fino al 17 maggio. L’impianto è fermo dalla fine di marzo ed è stato chiuso per tre settimane a febbraio a causa della carenza globale di semiconduttori che ha scosso l’industria automobilistica e ha ridotto le scorte presso le concessionarie e fatto aumentare i prezzi dei veicoli.

I microchip sono utilizzati nell’elettronica del veicolo dal volante al sistema di infotainment, oltre a numerosi altri componenti. “Stellantis continua a lavorare a stretto contatto con i nostri fornitori per mitigare gli impatti sulla produzione causati dai vari problemi della catena di fornitura che il nostro settore deve affrontare”, ha affermato in una nota la portavoce dell’azienda Kaileen Connelly. L’impianto, che impiega quasi 4.400 lavoratori, ha perso 45.329 veicoli nel tempo in cui è rimasto fermo quest’anno, secondo le stime di AutoForecast Solutions LLC.

Windsor non è il solo stabilimento di Stellantis ad avere questi problemi. Lo stabilimento di Belvidere nell’Illinois, sede del SUV Jeep Cherokee, sarà fermo fino a metà maggio. Lo stabilimento di assemblaggio di pickup a Warren, che produce Ram 1500 Classic, è fermo per il resto del mese. I turni di lavoro sono stati ridotti anche allo stabilimento Jefferson North Assembly di Detroit, che costruisce i SUV Jeep Grand Cherokee e Dodge Durango.

Il tempo di inattività aggiuntivo arriva dopo che Richard Palmer, chief financial officer di Stellantis, ha dichiarato la scorsa settimana che l’impatto della carenza di chip dovrebbe essere peggiore nel secondo trimestre rispetto ai primi tre mesi dell’anno. Stellantis ha perso circa 190.000 veicoli, o l’11% della produzione pianificata a livello globale, durante il primo trimestre.

La società spera di vedere dei miglioramenti nel terzo trimestre una volta risolti i problemi derivanti da un incendio di marzo in un impianto di semiconduttori in Giappone e dall’ondata di freddo di febbraio in Texas. Ma con una visibilità limitata nella produzione di queste parti in profondità nella catena di fornitura, i problemi potrebbero estendersi fino al prossimo anno.

Looks like you have blocked notifications!

Clubalfa.it è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato sulle nostre notizie SEGUICI QUI

Lascia un commento