in

Stellantis: nuove strategie di fornitura

Stellantis metterà in atto nuove strategie di fornitura per scongiurare i problemi derivanti dalla crisi dei semiconduttori mancanti

Stellantis
Stellantis

Mentre la carenza globale di microchip continua, Stellantis spera di ottenere una visione migliore della fornitura e del processo di produzione nei mesi a venire. Ciò sarà fondamentale poiché la casa automobilistica si prepara a lanciare diversi modelli chiave di Jeep mentre cerca di tenere il passo con la domanda del mercato per il resto della sua gamma.

Le spedizioni di veicoli sono aumentate del 12% a 1,6 milioni a livello globale durante il primo trimestre, ma sono diminuite del 4,2% nell’importante mercato nordamericano. I funzionari hanno citato le perdite di produzione derivanti dalla carenza di semiconduttori e dalla fine del Dodge Grand Caravan e del Journey.

“C’è la possibilità che dobbiamo guardare a come gestiamo le catene di approvvigionamento, che abbiamo maggiore visibilità di ciò che sta accadendo nei vari livelli della catena di approvvigionamento, in modo che la nostra intelligenza sia più immediata e possiamo muoverci più velocemente”, ha dichiarato il CFO di Stellantis Richard Palmer la scorsa settimana in una chiamata sugli utili con gli analisti. “Abbiamo la nostra catena di approvvigionamento e i nostri team di acquisto che ci lavorano e stanno già mettendo in atto alcune di queste cose mentre affrontiamo la crisi”.

La carenza di chip ha causato tempi di inattività aggiuntivi in ​​diversi stabilimenti questa settimana. La produzione della Jeep Cherokee a Belvidere, Illinois, rimarrà offline fino alla metà di maggio. La produzione di minivan a Windsor, in Ontario, rimarrà in pausa per almeno un’altra settimana.

La casa automobilistica continua ad adeguarsi dopo aver perso circa 190.000 unità, o l’11% della produzione pianificata, nei primi tre mesi dell’anno. L’assemblea di Jeep Compass è ripresa in Messico la scorsa settimana e Stellantis ha detto ad alcuni lavoratori che erano stati avvertiti di un licenziamento di tre settimane questo mese dallo stabilimento Jeep Grand Cherokee e Dodge Durango a Detroit che sarebbero state solo due settimane.

Alcuni dei risultati finanziari del primo trimestre di Stellantis rimangono sconosciuti, ora che la casa automobilistica sta seguendo le regole francesi che richiedono rapporti completi solo ogni sei mesi. La casa automobilistica ha aumentato le entrate del 14% a 44,5 miliardi di dollari su base pro forma, rispetto al primo trimestre del 2020. I ricavi del Nord America sono aumentati del 9% a 19,1 miliardi di dollari.

Palmer ha detto che la società prevede che i problemi di chip diminuiranno nella seconda metà dell’anno, ma che il trimestre in corso sarà probabilmente più impegnativo del primo.

I dirigenti di Stellantis hanno detto che le imminenti introduzioni della Jeep Grand Cherokee L, Wagoneer e Grand Wagoneer sono ancora in pista per questa estate, così come il lancio della Grand Cherokee ridisegnata nel terzo trimestre. La produzione di Wagoneer e Grand Wagoneer dovrebbe iniziare a giugno, mentre le prime Grand Cherokee a tre file sono già state costruite.

“Chiaramente questo è un gioco competitivo e siamo concentrati sull’esecuzione per gestire l’impatto meglio della nostra concorrenza il più possibile”, ha detto Palmer. “Abbiamo una visibilità limitata su quale potrebbe essere l’impatto dell’intero anno. Quello che prevediamo è che l’impatto del secondo trimestre sarà più significativo del primo trimestre “.

Looks like you have blocked notifications!

Clubalfa.it è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato sulle nostre notizie SEGUICI QUI

Lascia un commento