in

Stellantis: il Sudamerica sarà la regione in cui il gruppo crescerà di più nel 2021

La crescita prevista è legata alle forti variazioni a cui sono soggetti i mercati sudamericani

Stellantis
Stellantis

Stellantis progetta che nel 2021 il Sudamerica sarà la regione in cui il gruppo avrà la crescita maggiore (+20% rispetto al 2020). Si tratta della percentuale più alta fra tutti i mercati in cui l’azienda opera ed è il doppio di quanto previsto in Europa (+10%) e ben al di sopra delle previsioni fatte per le altre regioni: Nord America +8%, Cina +5%, Medio Oriente e Africa +3% e India e Asia-Pacifico +3%.

Le stime sono state pubblicate all’inizio di marzo in concomitanza con i risultati finanziari di PSA e FCA dello scorso anno, l’ultima volta che le due aziende hanno pubblicato dei bilanci separati. Nel corso di una visita agli stabilimenti ereditati da FCA in Brasile, Carlos Tavares – CEO di Stellantis – ha spiegato che la differenza così importante nelle stime di crescita è legata alle forti variazioni a cui sono soggetti i mercati sudamericani, che dice di conoscere già molto bene visti i suoi 40 anni di lavoro nell’industria automobilistica.

Stellantis
Stellantis, nel mercato sudamericano è prevista una crescita del 20% nel 2021 rispetto allo scorso anno

Stellantis: Fiat, Jeep, Peugeot e Citroën contribuiranno alla crescita del gruppo in Brasile

Conosco già abbastanza bene il Sudamerica. La regione ha un grande potenziale di crescita ma è sempre molto volatile. Ciò significa che quando c’è un punto basso, c’è sempre un punto alto nella sequenza“, ha spiegato l’amministratore delegato del nuovo gruppo.

Tavares sostiene che alcuni fattori riportano questa percentuale alta per i mercati sudamericani: il primo è la prospettiva di vaccinazione della popolazione che, oltre a superare gradualmente la pandemia, porta anche ottimismo.

Questa è una regione in cui le persone tendono ad essere più ottimiste. Non appena riconoscono una situazione migliore, aumentano i consumi e arriva la crescita“, ha detto l’ad. Carlos Tavares sostiene inoltre che Stellantis è pronto a trarre vantaggio dalla crescita prevista per la regione da quattro brand: Fiat, Jeep, Peugeot e Citroën. Insieme potrebbero produrre qualcosa come 1 milione di unità all’anno se ce ne fosse richiesta.

Abbiamo una posizione comoda nel Mercosul con diversi stabilimenti e fornitori locali, oltre al lavoro efficiente dei team, dei prodotti che hanno ottenuto buoni risultati e un forte programma per il lancio di nuovi veicoli, di cui tre solo quest’anno. Abbiamo già imparato a gestire la volatilità della regione e abbiamo un approccio ottimista. Quello che può cambiare nei prossimi anni, nel bene e nel male, sono le politiche industriali e tariffarie che possono aiutare o ostacolare il business. La nostra intenzione è creare valore ed evitare tagli“, ha concluso Tavares.

Sembra che tu abbia bloccato le nostre notifiche!

Clubalfa.it è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato sulle nostre notizie SEGUICI QUI

Lascia un commento