in

Duplicato della patente: ecco come si fa ad ottenerlo per smarrimento, furto o deterioramento

La procedura per ottenre il duplicato della patente per furto, samrrimento, distruzione e deterioramento.

patente

 

 

Nonostante oramai siano sparite le patenti di carta e siano state sostituite da quelle plastificate, il deterioramento del documento non è una rarità. Il documento che va portato sempre dietro, magari nel portafogli è inevitabilmente soggetto a rovinarsi. Si può spezzare, scolorire e così via. Un deterioramento che rende in pratica illeggibili i dati inseriti sopra. Ma può accadere anche che il documento venga smarrito, perduto o sia oggetto di furto. È possibile in tutti questi casi chiedere il duplicato del documento. Ma come si fa ad ottenere il duplicato del documento di guida?

 

Duplicato della patente, la procedura

Per poter circolare e guidare l’auto occorre necessariamente essere in possesso della patente di guida. Oltre ad averla conseguita, occorre anche averla dietro se fermati ad un posto di blocco delle Forze dell’ordine. Tornando un attimo alla patente deteriorata e quindi pressoché illeggibile, occorre sottolineare che le Forze dell’ordine potrebbero anche ordinarne il ritiro. Soprattutto quando è la scadenza ad essere illeggibile, il ritiro potrebbe scattare automaticamente.

Il duplicato della patente prevede una procedura niente affatto complicata, probabilmente più difficile a spiegarla che ad espletarla. Innanzi tutto, la prima cosa che accade è che all’atto della richiesta viene rilasciato al richiedente, una copia provvisoria della patente, un foglio che riporta esattamente tutti i dati necessari a rendere valido il documento. Con il foglio provvisorio, sul quale è annotata anche la data di richiesta del duplicato vero e proprio, si è in regola per circolare. Tale documento vale 90 giorni.

La procedura è relativamente semplice e ti consente di ottenere un permesso provvisorio di guida, con il quale puoi circolare liberamente in attesa di ricevere la patente vera e propria. In generale puoi ottenere il duplicato in caso di furto, di smarrimento, di distruzione e di deterioramento del permesso di guida.

La richiesta di duplicato della patente, oltre che dall’intestatario della patente, può essere richiesto da un delegato a cui il titolare ha conferito il mandato per la richiesta. Occorre naturalmente una delega in carta semplice con copia dei documenti di riconoscimento di delegante e delegato. Delega che va fatta anche all’Agenzia di Pratiche automobilistiche o alla scuola guida nel caso in cui il duplicato viene richiesto per il tramite di queste strutture autorizzate al disbrigo di pratiche di questo genere.

 

Duplicato patente dopo furto, smarrimento o distruzione

Nel caso in cui il duplicato della patente si rende necessario non per deterioramento della patente (in questo caso la patente è nel pieno possesso del titolare, solo che è illeggibile), ma per furto, distruzione o smarrimento, occorre presentare denuncia. La denuncia alle Forze dell’ordine va prodotta nello stretto giro di 48 ore dall’evento del furto, dello smarrimento o della distruzione.

sporgere denuncia presso i carabinieri o alla polizia entro 48 ore dal furto, dallo smarrimento o dalla distruzione. La denuncia alle Forze dell’ordine va fatta in presenza, cioè andando in Questura piuttosto che alla Caserma dei carabinieri più vicina. Da tempo è possibile presentare denuncia di smarrimento anche on line, tramite il sito www.denunceviaweb.poliziadistato.it o tramite il sito www.extranet.carabinieri.it/DenunciaWeb/denuncia.aspx. Naturalmente la via telematica è utile per velocizzare la pratica, ma poi occorrerà comunque andare alla Polizia o dai Carabinieri per firmare la denuncia per conferirgli quel valore legale che deve avere l’atto.

Se la patente non ha particolari problematiche sono le Forze dell’ordine ad avviare la pratica di duplicato che arriverà al cittadino direttamente a casa sua. Ci possono essere dei casi in cui la patente risulta non duplicabile perché ci sono carenze di informazioni nelle banche dati e solo in questo caso occorrerà presentare richiesta di duplicato direttamente alla Motorizzazione Civile, presentandosi con la denuncia sporta alle Forze dell’ordine.

Alle Forze dell’ordine, nel caso in cui non ci siano problemi per ottenere la copia del documento, occorre presentare un documento di riconoscimento valido e due foto tessera. Saranno le stesse Forze dell’ordine a rilasciare il foglio provvisorio in attesa che la procedura venga completata e la nuova patente giunga al cittadino. Infatti come dicevamo, sono le Forze dell’ordine a produrre richiesta di duplicato a seguito di denuncia al Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti.

Richiesta tramite Motorizzazione Civile

Va ricordato che dall’esatto momento in cui si sporge denuncia, la patente di guida smarrita, rubata o distrutta non è più valida. Per lo smarrimento questo è un fattore determinante dal momento che se mai venisse ritrovata la patente perduta, questa andrà distrutta proprio perché non più valida e sostituita dal duplicato.

Come dicevamo, la patente arriva direttamente a casa del richiedente, tramite Poste Italiane. Sarà al postino che occorrerà pagare il corrispettivo dovuto pari a 18,76 euro (10,20 euro per diritti dovuti al Dipartimento Trasporti Terrestri, 6,86 euro per le spese postali di invio e 1,70 euro per le commissioni. In linea di massima la nuova patente dovrebbe giungere al domicilio o alla residenza del richiedente entro 45 giorni dal rilascio del foglio di guida provvisorio.

Se la richiesta va fatta alla Motorizzazione per i casi di cui parlavamo prima, cioè con patente non duplicabile, occorre presentare la copia delle denuncia fatta a Polizia o Carabinieri, direttamente alla Motorizzazione Civile. Anche in questo caso occorrono 2 foto tessera, il documento di riconoscimento in fotocopia e il foglio provvisorio di guida rilasciato dalle Forze dell’ordine.

Alla Motorizzazione occorre presentare domanda usando il modulo che la stessa Motorizzazione ha disponibile nelle sedi territoriali o sul sito istituzionale. Il modello che si chiama TT 2112 può essere recuperato on line anche dal sito ufficiale del Ministero dei Trasporti e dal Portale dell’Automobilista. Occorre anche presentare la ricevuta del versamento di 10,20 euro per i diritti del Dipartimento Trasporti Terrestri, da effettuarsi con bollettino di conto corrente postale recuperabile direttamente in Motorizzazione o presso gli uffici postali.

Anche in caso di patente deteriorata la richiesta va fatta alla Motorizzazione Civile usando la stessa procedura, la stessa modulistica ed allegando gli stessi documenti prima citati, senza naturalmente al denuncia alle Forze dell’ordine. In più occorre produrre la copia della patente deteriorata e se la scadenza del documento è prossima (entro 6 mesi dalla richiesta di duplicato), serve un certificato medico di idoneità rilasciato dalle competenti autorità mediche e non più vecchio di 3 mesi. In tutti i casi il certificato medico deve essere in marca da bollo così come una delle due foto formato tessera deve essere autenticata. Oltre al versamento di 10,20 euro per la patente deteriorata, occorre versare anche ulteriori 32,00 euro.

Infine, che sia per smarrimento, furto, distruzione o deterioramento, nel caso il richiedente è cittadino extracomunitario occorre presentare anche la copia del permesso di soggiorno o la copia del documento che attesti la richiesta di permesso o la richiesta di rinnovo.

Clubalfa.it è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato sulle nostre notizie SEGUICI QUI