in

Bollo auto, può essere pagato a rate oppure per forza in unica soluzione?

Quali sono i casi in cui il bollo auto si può rateizzare e come si fa.

 

 

L’obbligo del pagamento del bollo auto grava su tutti i contribuenti che sono proprietari di un veicolo. Va detto che oltre alla proprietà, anche l’usufrutto o in caso di acquirenti con patto di riservato dominio, sono situazioni che rendono il contribuente soggetto su cui grava l’obbligo di pagare il bollo auto. Lo stesso vale per gli utilizzatori di un veicolo nel contratto di leasing.

Il bollo auto è sicuramente uno dei balzelli più odiati dagli italiani e molti si chiedono se sia possibile pagarlo a rate, per rendere più facile adempiere a quello che ripetiamo, è un obbligo assoluto fino a quando il veicolo è iscritto al Pra.

Bollo auto, gli importi sono differenti da Regione  a Regione

Il bollo auto è una tassa locale dal momento che l’ente a cui è dovuto è la Regione di residenza dell’intestatario del veicolo. L’autonomia in materia bollo di cui gode la Regione fa si che gli importi della tassa siano differenti da un posto all’altro dello Stivale. Il bollo auto in linea di massima per tutte le Regioni e per tutti i contribuenti varia in base alla potenza del veicolo. Ultimamente, un  altro fattore che determina il corrispettivo che è chiamato a versare un contribuente è pure la qualità del veicolo come emissioni inquinanti.

Quando va pagato il bollo?

Per le auto di prima immatricolazione, cioè per un veicolo immatricolato a nuovo (nuovo di fabbrica o primo ingresso in Italia), il versamento del bollo va  fatto entro la fine del mese di immatricolazione se quest’ultima è stata effettuata entro i primi 20 giorni del mese, altrimenti il versamento è dovuto entro la fine del mese successivo. Anche in questo caso ci sono regole differenti a seconda della Regione dove si risiede. Ci sono Regioni dove per il bollo viene prevista una scadenza unica per tutti, una unica data annuale. In altre Regioni invece ci sono tre scadenze per il versamento del bollo, in genere entro fine aprile, entro fine agosto ed entro fine dicembre.

Le rate, quando sono possibili?

Una cosa che comunemente va sottolineata è che per il bollo auto le rate non sono ammesse, nel senso che il pagamento annuale è in unica soluzione. Ma in virtù di quanto detto prima, per permettere a tutti i contribuenti di trovarsi con le scadenze fisse previste, è ammesso il pagamento frazionato del bollo.

Questa è l’unica variante, l’unico caso in cui il bollo può essere pagato in maniera dilazionata. Infatti come detto prima, vige la regola generale secondo la quale il bollo auto é una tassa che non può essere rateizzata, pertanto essa può essere pagata solo in un’unica soluzione. Solo nel caso di prima immatricolazione e per l’allineamento delle scadenze a quanto disposto dalla propria Regione, il bollo può essere dovuto a rate.

In tutti gli altri casi non si può pagare a rate, naturalmente per il bollo vero e proprio e fino a quando questo non diventi cartella esattoriale o ingiunzione di pagamento a seguito di ritardi nel pagamento. In quel caso il bollo, comprensivo di sanzioni e interessi, può essere rateizzato, anche se è erroneo parlare di bollo rateizzato, perché occorrerebbe parlare di cartella rateizzata.

Sembra che tu abbia bloccato le nostre notifiche!

Clubalfa.it è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato sulle nostre notizie SEGUICI QUI

Lascia un commento